17/05/16

La Pesca delle Anime




Humans Are Free - L'idea che esista una rete cattura-anime che ci attende dopo la morte - e che ci mantiene all’interno della Matrix - è un concetto triste e molto preoccupante ma che credo debba essere considerato da tutti i ricercatori seri sulla cospirazione globale. I veri liberi pensatori vogliono sapere esattamente dove finisce la tana del coniglio della cospirazione globale.
Fino a che punto giunge il controllo? Passata questa vita? Passato questo pianeta?
Bene, la risposta potrebbe essere un sì per entrambe. Dopo aver speso anni di ricerca sui molti strati della corruzione politica, della corporatocrazia, della sorveglianza globale, degli attacchi false flag, sulle banche centrali, gli OGM, la geoingegneria, il sionismo, le famiglie degli Illuminati, il programma di emissione di radiazioni, sugli UFO e gli ET, sull’intervento alieno ed oltre, si arriva a rendersi conto che la vera fonte e causa del controllo è l'incrocio tra coscienza e cospirazione.
Perché? Perché la cospirazione consiste nel sopprimere del tutto l'idea di Chi Sei. Si tratta di convincerti che non sei niente, un nessuno.
Si tratta di convincerti che sei solo una macchina biologica, adatta a fungere da ingranaggio di un meccanismo o, come i Pink Floyd hanno cantato, solo un altro mattone nel muro.
La scienza ufficiale fino ad oggi nega ancora l'esistenza della coscienza solo perché non può metterci le mani sopra con i suoi limitati 5 sensi. La sua soluzione semplice: ignorare tutto ciò che non si può misurare.


Ci sono molti ricercatori che saranno in grado di ragionare su questo argomento, o rifiutare di farlo, perché si scontra con i loro attuali sistemi di credenze, come i sistemi di credenze religiose (l'aldilà può consistere in un paradiso o un inferno, oppure in 100 vergini, ma non in una rete per anime), i sistemi di credenze materialistici scientifici (non esiste una cosa come l'anima o la coscienza) o vari altri sistemi di credenze (non ci sono cose come gli alieni o gli extraterrestri, ecc.).
Se avete letto fino a questo punto probabilmente siete pronti ad andare al di là di questi sistemi di credenze, dopo aver capito che sono impostati a bella posta per creare una falsa dicotomia, per limitare e togliere potere.
Probabilmente avete anche capito che i veri manipolatori al timone della cospirazione sono entità non fisiche, che varie religioni e culture hanno definito come Arconti (nella tradizione gnostica), Djinn o Jinn (nell'Islam), Demoni (nel Cristianesimo), Ombre del Fango (nei libri di Carlos Castaneda) o da altri nomi.
In Cosa consiste la trappola per anime?
L'idea è che dopo la morte, la nostra anima o coscienza si separa dal corpo e viene poi sottoposta ad un processo in cui la sua memoria viene ripulita per essere riciclata, reincarnata in un altro corpo per ripetere lo stesso processo.
In questo modo la Terra diventa un pianeta prigione in senso letterale dal quale è molto difficile uscire.
La rete per anime è messa lì come una griglia artificiale energetica (non quella naturale griglia energetica delle ley-line del Pianeta Terra) per evitare che qualche anima possa passarci attraverso.


Così la terra rimane un sistema chiuso in cui nuove persone nascono costantemente con lo scopo di alimentare la generazione di emozioni (negative) per nutrire gli Arconti, non ricordando chi siano state o quale sia la situazione reale.
La rete per anime assicura che il pianeta rimanga un terreno per la pesca a strascico degli Arconti per attivare le nostre emozioni (cosa che fanno sapientemente attraverso i media, la guerra, la paura ed altri metodi di inganno) in modo che possano ottenere nutrimento.
Come afferma Don Juan nell’ultimo libro di Castaneda, il lato attivo dell'Infinito, siamo come humaneros, allevati come bestiame in una fattoria da sfruttare.
Ciò ricorda anche la serie dei film Matrix in cui Morpheus mostra a Neo la scioccante verità che siamo cresciuti come fonte di cibo per i controllori. Egli mostra a Neo il simbolo della batteria. Ma quello è un buon simbolo, una batteria comporta un accumulo di energia. In realtà, ci comportiamo come generatori di energia per gli Arconti.
Tuttavia, poiché siamo esseri potenti, gli Arconti non possono fare affidamento solo sulla forza per mantenere tutto questo in piedi. Hanno bisogno di ingannare noi a dare loro consenso. Come fanno? Come ci si arriva a cadere volontariamente in rete per anime? Con il trucco della luce bianca ... la rete per anime si basa sul trucco della "Luce Bianca".
Ci è stato detto attraverso varie fonti che la luce bianca dopo la morte è qualcosa verso cui dirigersi. Nel film di Hollywood ‘Ghost’ si promuove proprio questo. Le persone che hanno sperimentato le OBE (Out of Body Experiences) la menzionano.
Ma cosa succede se, come David Icke e Wayne Bush hanno suggerito, la luce bianca dopo la morte - e la luce stessa (in questo contesto) - è il vero trucco? Che cosa succede se la luce è la vera fonte dell’inganno? Dopo tutto, gli Illuminati ed altre società segrete adorano Lucifero: il Portatore di Luce.
Michael Tsarion ci parla della militarizzazione occulta della luce. Cameron Day ci parla del perché non è più un operatore di luce, a causa della falsa dualità della falsa "luce".
Che cosa succede se il discorso tipicamente New-Age della "luce" sia solo un'altra trappola? Che cosa succede se la luce è proprio la fonte della Matrix del pianeta carcere? E se la luce fosse proprio il meccanismo per la rete delle anime?


Sembra difficile? Quando fonti indipendenti, in particolare provenienti da diversi periodi di tempo, espongono tutte la stessa idea, è un buon segno che l'informazione abbia validità.
Parkes afferma che l'intervento straniero e la manipolazione genetica si sono verificati in precedenza nella storia dell'umanità, dove il nostro DNA è stato manomesso e le nostre abilità psichiche represse. Questo è stato fatto in modo che nessuno potesse sfidare le guardie carcerarie (gli arconti). Nelle sue presentazioni, Parkes menziona anche il trucco della luce bianca e della rete per anime.
L'inganno è avvenuto attraverso la cospirazione di 3 specie aliene separate (Annunaki, Rettiloidi e Siriani di Sirio), che hanno trovato un modo per ingannare gli Atlantidei (i nostri antenati) e farli abitare in vasi biologici (il corpo umano).
Una parte dell’inganno comporta che Anu, il re rettile degli Annunaki, governi sull'umanità come un re, creando piani di esistenza diversi per essere sicuri di non far uscire nessuno ed utilizzare le reti per anime.
Un tema nel buddismo e dell'induismo è che questo mondo sia ‘Maya’ o un’illusione (cioè la matrix). Un altro insegnamento buddhista è che la vita contiene la sofferenza e che la reincarnazione è un ciclo infinito di sofferenza (la ruota del samsara) che può essere spezzata solo attraverso la pratica spirituale (cioè l'innalzamento della propria coscienza).
Anche se alcune persone possono vedere ciò in chiave pessimistica, si inserisce esattamente in ciò che sappiamo della cospirazione più grande e della rete per anime. Il millenario Libro Tibetano dei Morti è un manuale di istruzioni per i monaci su come prepararsi per il punto di morte e per raggiungere la liberazione evitando proprio la reincarnazione.
Val valeriana è un ex agente della CIA (vero nome John Grace) che ha iniziato a scrivere circa l'idea di una rete per anime già nel 1990, prima che la trilogia di Matrix del film uscisse nelle sale. Nei suoi libri scrive:


"Sono loro [gli alieni grigi] che attendono alla luce quando un essere umano muore. L'essere umano viene poi riciclato in un altro corpo e il processo ricomincia tutto da capo ... da qui la Luce del tunnel e la trappola mortale. Essi fanno la scansione di qualcuno vicino a chi vogliono riciclare e proiettano l'immagine della persona nel tunnel di luce bianca. Se si sceglie di seguirla si può venire intrappolati ed inviati ad un'altra incarnazione di loro scelta ... queste entità concepiscono la Terra come una grande azienda agricola “.
Tanaath della Legione d'argento, ci parla anche l'esistenza della rete per anime o trappole per la reincarnazione. Lei lo descrive come una penna tenuta per progettare ciò che qualunque persona o l'anima si aspetterebbe nell'aldilà.
Per esempio, se tu fossi un cristiano e aspettavi di vedere San Pietro, lo vedresti; se tu fossi un musulmano, vedresti 100 vergini. Si fa anche riferimento al fatto che i tuoi ricordi sono spazzati via prima di essere re-inviato sulla Terra per reincarnarsi.

Comprendere la portata della nostra schiavitù, ci permette di porre un freno all’inganno arcontico dopo la nostra "morte". Esso ci dà anche la responsabilità di educare gli altri, quindi offrendo loro la chiave della cella della prigione (se poi scelgono di utilizzarla o meno, è una loro decisione).
Interessante per comprendere la rete per anime, sono tutti i giochi di carte di magia, i libri od i videogiochi. L'idea di una rete per anime è ormai nella coscienza pubblica. La domanda rimane: è sufficiente per l'umanità confrontarsi con tali informazioni ed indagare?

Possono abbastanza persone cogliere la grandezza della rete per anime - che ha costretto alla reincarnazione in un pianeta carcere per l'asservimento definitivo - e aumentare così la propria consapevolezza?


14 commenti:

  1. Personalmente sono arrivato anche io a simili conclusioni.
    Il convicere gli altri invece la vedo un'impresa ardua.
    Probabilmente sono idee che vanno instillate a poco alla volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se pensi che alcune correnti gnostiche condividevano tali argomentazioni duemila anni or sono ... comunque sia la conoscenza è l'unica strada da percorrere.

      Elimina
  2. Davvero interessante. Grazie per aver pubblicato questo post. Credo che il triade color test proposto dal prof. Corrado Malanga serva proprio a creare quella coscienza integrata che possa sfuggire a questa trappola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Malanga ci ha illuminato sulla predazione animica in vita ma, cosa accade dopo la morte del 'contenitore'?

      Elimina
    2. Esistono infiniti mondi paralleli, come sosteneva l'immenso Giordano Bruno, nei quali l'anima sfuggita alla reincarnazione può scegliere di proseguire la sua esperienza. Ascoltando una traccia audio di una ipnosi regressiva del prof. Malanga, l'essere che parassitava una donna ha confermato che esistono mondi in cui gli esseri umani sono coscienti di essere anima e non possono essere parassitati. Ciò che accadrà dopo la morte fisica siamo noi anime a deciderlo in funzione del nostro personalissimo percorso di acquisizione di coscienza.

      Elimina
    3. il triade color test di malanga e tutte le sue teorie sono una bella trappola. la cosiddetta coscienza integrata, l'unione tra anima e corpo e la conseguente materializzazione dell'anima è lo stesso scopo perseguito dagli arconti, svegliatevi !

      Elimina
  3. In un gioco di parole alquanto banale ma credo affatto ozioso inevitabilmente ci chiediamo quale anima ci anima? Qual è il sostegno invisibile della consapevolezza? Quali entità ci preesistono?
    Molto brevemente adesso tenevo a richiamare l'attenzione sulla scomoda testimonianza di Omero circa il destino dell’anima una volta avvenuto il trapasso. Davvero inquietante testimonianza relativa all’essenza della psyché dopo la morte fisica, dove Achille nel canto XI dell’Odissea afferma: “Preferirei piuttosto fare il servo d'un bifolco che campasse giorno per giorno di uno scarso e misero cibo, piuttosto che essere sovrano nel regno dei defunti.” Questa è una prefigurazione aberrante della nostra sorte riscattata solo dalla cosmogonia orfica che ha saputo intessere di fervida speranza la possibilità di orientarsi felicemente nell’al di la superando il controllo dei Guardiani della Soglia.
    In Omero al momento del trapasso la psyché vola via dal defunto come immagine di sogno diretta nell’Ade, ridotta a mera ombra, cupa e priva di coscienza, una forma quanto mai rarefatta di cadavere vivente Ad Achille reca monito Pallade Atena esortandolo alla calma di fronte alla provocazione di Agamennone: “ai numi è caro/ chi de’ numi al voler piega la fronte”… non è forse questa indicazione assai simile al “sia fatto il volere di dio” dei cristiani? In molti passi dell’Iliade si narra di come l’uomo pur valutando diverse possibilità nell’azione alla fine è quasi sempre un dio a dirigere i suoi pensieri verso la decisione ultima, benché traspaia quasi sempre una sorta di autonomia decisionale, poiché sempre Atena nel disciplinare l’ira di Achille gli rivolge anche le parole “sono venuta a mitigar la tua collera, ove tu voglia seguirmi” …dunque, beninteso tu uomo scelga il consiglio che ti offro e in questo caso sembra esser stato un consiglio benigno. la costrizione operata da una volontà superiore è più evidente con Elena, la quale una volta ricredutasi dell’abbaglio subito e constatando come Menelao sia di ben altra tempra rispetto all’effimero Paride è comunque obbligata contro la propria volontà dalla stessa Afrodite a tornare da quest’ultimo dopo la sconfitta che ha subito per mano del re spartano, il quale l’avrebbe ucciso se sempre la stessa déa non gli avesse rapito l'avversario sotto gli occhi avvolgendolo in una nube.
    La poesia dunque è finzione sublime, ma che riguarda una riposta verità (direi la massima verità) concernente il rapporto dell’uomo con la sfera dell’invisibile, di ciò che rimane occulto. Non credo di questi tempi, intimamente sfibrati come siamo, si possa forare il setaccio metadimensionale che al varco ci attende. Più e più rimpasti ci saranno necessari in questa materia per sciogliere perfettamente l’enigma della nostra essenza.
    un saluto

    RispondiElimina
  4. stessa conclusione a cui sono giunto io ormai da anni...

    matrix è multidimensionale... è l'universo che il portatore di di falsa luce ha creato cercando di scimmiottare quello vero da cui noi tutti in realtà abbiamo avuto origine...

    Consiglio a tal proposito di scaricarsi e leggere l'ebook "Our Universal Journey" dell'australiano George Cavassilas:
    http://www.galaksija.com/literatura/ouj.pdf

    Inoltre ci sono numerose testimonianze da Ipnosi regressive effettuate dal bravo Calogero Grifasi che riportano tutte alle medesime considerazioni di questo articolo:

    https://www.youtube.com/watch?v=x5tA2pLBPp4

    https://www.youtube.com/watch?v=HaD-G0hCilc

    www.youtube.com/watch?v=ufGzX5WYwVk

    www.youtube.com/watch?v=-wpWXcr8BxA

    www.youtube.com/watch?v=YJQDLdkMUUc

    RispondiElimina
  5. condivido il pensiero di Michela (che è anche quello di Ghigo e di Malanga). Se noi siamo liberi, non solo la nostra sorte ma anche la nostra anima seguirà il suo percorso "protetto"

    RispondiElimina
  6. Fantastico bellissimo articolo... tra l'altro penso esattamente al stessa cosa :D

    RispondiElimina
  7. 'Io sono un figlio e sono dal Padre. Vengo dal Padre pre-esistente e sono un figlio pre-esistente".

    Sarà sufficiente pronunciare questa frase gnostica, quando sarà giunta la nostra ora per evitare di essere riciclati nel samsara?

    L'articolo tocca non un tema importante, ma il tema per eccellenza. Correggerei le 100 vergini con 72: 72 è numero arcontico o per lo meno cosmico, in quanto allude alla precessione degli equinozi ed al Sole che è comunque luce elettromagnetica, non la vera luce. Ciò sembra plausibile. Il numero 72 testimonia, insieme con altri indizi, che l'Islam è religione arcontica, come l'Ebraismo, mentre sul Cristianesimo sono ancora perplesso.

    Purtroppo non è per nulla facile avvicinare le persone a questo soggetto che è stato in parte compreso grazie alla Gnosi antica ed all'ufologia. Comunque una Coscienza cosciente forse non deve temere alcunché... o no?

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo confessarti che tradurlo non è stato semplice, benché si sia trattato di un compito frettoloso. Sul cristianesimo il nostro giudizio è più difficile perché ci viviamo letteralmente dentro. Le comuni origini abramitiche delle 3 religioni comunque dovrebbero far riflettere. Ho passato gli ultimi 20 giorni a rileggere la Bibbia ed alcuni autori gnostici, dobbiamo apprezzare la loro misconosciuta visione cosmica e lodare il loro aureo anonimato. Bella la frase liberatoria, sarà davvero così semplice sfuggire al Samsara? Forse si. Ciao

      Elimina
    2. Sono in totale sintonia con Te.

      Ciao

      Elimina
  8. Anche Malanga parla di riciclo di anime e reset della memoria, da parte dell'uomo primo.

    RispondiElimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG