24/01/16

David Jack Bowie Stevens - Lazarus?

 
Un nuovo nome, una leggera plastica facciale, una nuova identità sociale e la Pop-Star si ricicla, incarnando un nuovo personaggio, per poter proseguire la sua propria esistenza terrena in pace ed eternare il suo mito commerciale. E’ questa la tesi di alcuni arguti osservatori, come l’autore di PianetaX.
Nel caso di Bowie sarebbe Jack Stevens che ne avrebbe accolto la personalità, chiamato dalla rete televisiva Sky ad intervenire proprio a commento della recente sedicente scomparsa della celebre Pop-Star che, nonostante i tentativi di deificazione, è pur sempre e solo un performer: un attore insomma.
 
 
Occorre ricordare come le Pop-Star vivano comunque una sorta di esistenza parallela rispetto alla loro originaria di nascita. Hanno già cambiato nome, cognome ed aspetto fisico per lanciarsi da giovinetti nel mondo mediatico, perché quindi non farlo ancora?
 
 
Queste operazioni, comprensibili dal punto di vista commerciale ma indecenti da quello umano, sembra siano considerate la norma negli ambienti demiurgici del mondo POP, che comprende settori ritenuti a torto tra loro distanti quali la politica, la musica, il cinema, il giornalismo, l’economia …
Questa operazione su Bowie (di rinascita dalla morte, proprio come Lazarus, dal titolo di una sua recente opera musicale) ha inoltre numerosi e ben comprensibili risvolti economici positivi per le case di produzione.
Che dire infine? Buona pensione David Stevens Jack Bowie!
 
 

10 commenti:

  1. Me lo aspettavo anche perché la data della morte, anzi del riciclaggio, contiene nella somma il famigerato 9 11. 10-01-2016...

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Sono basita! Avevo visto l'intervista nel tg sky uk nei giorni successivi alla morte di Bowie e ricordo bene il sedicente Stevens. Sedeva insieme a una signora indiana interpellata in merito allo stile del defunto, e non solo gli assomigliava ma si poneva proprio come lui di fronte alla telecamera. Li x li , notando la incredibile somiglianza,ho creduto di essere prossima al deragliamento mentale. A pensarci invece hai fatto centro tu Ghigo. Il de cuius deve avere assunto altre spoglie. Non sarebbe il primo. Dopotutto proprio esperti italiani scoprirono che l'attuale Paul Mc Cartney non e' l'originale ma un rimpiazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è possibile nel mondo della finzione. POP (popular) non è l'estrazione del genere e dei suoi autori ma il suo target. Il pianeta POP è infatti una costruzione dei vertici destinata ai più. Pop-Muzik! Ciao

      Elimina
  3. Quindi ci avevo preso. D'altronde come non notare nella clip lazarus le plastiche e lucide rughe ben evidenziate e spropositate per uno di 69 anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, resta da capire perché mettere in scena tale goffa intervista, perché compromettere così l'operazione di riciclaggio? Il link dell'intervista su Sky:
      https://www.youtube.com/watch?v=Gt2ba3R51aI
      Ciao

      Elimina
    2. credo e costato che la gente crede solo a quello che le dice la TV (quelle principali ovviamente). in subordine, la radio, ma le radio principali, ovviamente.

      Elimina
    3. Questo è il problema principale da superare. Le fonti. Non si tratta solo di chi diffonde notizie ma di quali notizie si decide di diffondere e perché. Oggi tutti gli intelletuali radical-chic non fanno altro che parlare di 'unioni civili' ma si tratta di un argomento indotto dai media!
      La forza della propaganda è immensa. Quella della verità però è più forte ancora ... ciao!

      Elimina
  4. Un video di David Bowie che getta 1 luce inquietante su di lui e' "The hearths filthy lesson" (ovvero la sudicia lezione del cuore).
    Non riesco ad allegare il file del video dal telefono ma consiglio di andarlo a vedere. A me e' venuta la voglia di buttare via tutti i suoi dischi, a questo punto

    RispondiElimina
  5. il successivo che compare nella playlist di you tube e' anche peggio, se possibile, xche' e' un campionario di simbologia e immagini massoniche - mind control. Si chiama "A miracle tonight". Sono in treno di rientro a casa dopo il lavoro e mi viene da vomitare a pensare che ho ascoltato la musica di quest'uomo x anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IO credo che Bowie sia stato un grande performer. La sua musica è stata sempre interessante e variata ed il suo timbro vocale perentorio e garbato allo stesso tempo. Trattandosi però di una Pop-Black-Star era (o è ancora?) immerso in quell'ambiente li, dove la magia nera gioca un ruolo fondamentale. Stessa solfa anche nei Beatles oppure nei Rolling Stones per non parlare delle stelline del Pop contemporaneo come Lady Gaga o Rihanna, in un crescendo di nequizie ed oscenità. Bowie al confronto sembrava un nobile d'altri tempi!
      Il mondo Pop è la vera Matrix. Non si tratta solo di intrattenimento (tratto-la mente-dal-di-dentro?) ma anche di eventi, cronaca nera, politica ... tutto è POP!
      Rassegnamoci e costruiamoci un mondo migliore, quello da vivere ogni giorno con la nostra musica, la nostra storia e la nostra visione del mondo, non quella imposta dagli stregoni!
      L'immaginazione e la creatività umana non ha limiti. Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG