31/01/16

Rotte di Volo Paraboliche o Rettilinee?

 
Post tratto da PianetaX

Rotte di Volo curve acquistano Senso sulla Terra Piatta
 
Uno dei numerosi esempi di rotte aeree, in questo caso da New York verso Pechino ed Hong Kong, oppure da Los Angeles a Beijing, dal percorso anomalo. Le rotte seguono un curioso andamento fortemente parabolico. Per un fattore apparentemente inspiegabile, se il tracciato della rotta viene posto su di una proiezione azimutale equidistante, invece della tradizionale proiezione cilindrica di Mercatore, il volo risulta perfettamente rettilineo come dovrebbe essere logicamente.
 
 
La geometria ci insegna, infatti, che il tragitto più breve tra due punti è la linea retta anziché una curva. Se vi viene da obbiettare che la rotta nella realtà si dipana su una superficie sferica, verificate su di un mappamondo. Risulta illogica ed errata anche in tal caso.
 
NEVER TRUST IN MAPS
 
 

29/01/16

Nanobot e Radioonde per il Controllo Mentale di Massa

 
 
Una serie di 9 video indispensabili per comprendere il funzionamento del diabolico sistema tecnologico di controllo mentale di massa in atto. Smartdust, nanobot e radioonde al servizio della definiva schiavizzazione dell’umanità, o meglio, della sua riduzione a ingranaggio di un meccanismo satanico, parassitario e predatorio. Dopo il primo video, compaiono i link per i successivi.  Buona (si fa per dire) visione:  
 

28/01/16

Perché costruire Grattacieli? Un'Ipotesi:

 
 
 

Il Rapper, il Geoide e la Pubblica Opinione

 
Volenti o nolenti, prima o poi dovremmo interessarci al problema ‘Terra Piatta’ che sta letteralmente esplodendo sul web. La mancata percezione empirica della curvatura terrestre è un fatto che prima o poi dovrà ottenere una spiegazione esauriente. Comunque sia la forma del substrato che ci sorregge, si moltiplicano le indiscrezioni e le preoccupazioni dell’establishment. L’argomento ‘Terra Piatta’ suscita ilarità ma anche una sottile ansia in chi si erge a difensore delle verità ufficiali.   Come andrà a finire? Si risolverà tutto in una bolla di sapone? Oppure salterà fuori qualcosa di estremamente interessante?
 
IL PROBLEMA DELLA MANCATA PERCEZIONE DELLA CURVATURA TERRESTRE
 
Di seguito un articolo tratto da PianetaX:
 
 
Questa la convinzione di Bobby Ray Simmons, il rapper meglio conosciuto come B.o.B.: ”La Terra è piatta e vi stanno ingannando”. Il tweet, seguito dalla pubblicazione di decine di foto con tanto di spiegazione, a riprova della correttezza della sua tesi bislacca, è stato inoltrato ai suoi 2,3 milioni di follower.  Il 27enne americano, noto per i suoi brani ‘Nothin’ on You’ e ‘Airplanes’, cinguetta a raffica: “Dov’è la curva? Nemmeno io volevo crederci”. Il suo profilo in pochi giorni è stato inondato di insulti, sarcasmo, ma anche sostegno e lodi. A niente è valso l’intervento del celebre astrofisico Neil deGrasse Tyson: “Essere cinque secoli indietro nelle tue teorie, non vuol dire che non possiamo comunque apprezzare la tua musica”, a cui il rapper ha risposto così: “No, non sono pazzo. Sto bene. E non mi sto fumando niente di più forte dell’erba. Sto facendo questo per promuovere la mia musica? No…  ( articolo su: Repubblica.it )
 
 
Il tizio, a giudicare dalla faccia, è uno che non sa probabilmente leggere né scrivere adeguatamente. Ciò che dice sulla Terra Piatta gli è dettato poiché i poteri occulti non sanno più come contenere il fenomeno. Cercano di esorcizzare l’argomento mandando avanti marionette, come questo signor nessuno, allo scopo di manipolare le masse. Tastano il polso alla opinione pubblica in modo tale da valutare le eventuali ripercussioni sui mercati finanziari.
 

27/01/16

L'Imam e la Terra Piatta

 
Viene ridicolizzato l’Imam saudita che, in una sua lezione, ha affermato che la Terra è piatta e che non si muove. Ogni ipotesi che non collima con il pensiero accademico di regime deve essere allontanata con lo scherno, la denigrazione od il confino del suo autore: sono i metodi dell’inquisizione contemporanea.
Anche Galileo rischiò il rogo a suo tempo per affermare esattamente il contrario. Non è che la ‘verità’ cambia, semplicemente, con il cambiare delle esigenze del potere? Comunque sia mi fido molto più dell'onestà intellettuale di un Imam che di quella (inesistente) di un notissimo divulgatore RAI, falso e menzognero.   Riflettiamo ...
 

Antartica /2: il Confine del Mondo

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

26/01/16

La Truffa del Canone RAI

 
 
Ed alla fine sono andati fino in fondo, senza vergogna! Altro che gli 80 euro alle forze dell’Ordine, altro che i 500 euro ai diciottenni i veri beneficiari di questa schifosa legge di stabilità sono i leccaculo della Rai. Renzi ha voluto così ricompensare questi squallidi figuri, dipendenti, ma soprattutto funzionari e dirigenti lottizzati della Rai per la loro devozione ed il loro servilismo, persone senza dignità, sempre pronti ad incensare il padrone e prostrarsi al potere politico.
 
Canone-Rai
 
Al baraccone della Tv pubblica che ogni anno oltre a profondere disinformazione in quantità industriale, produce buchi spaventosi di centinaia di milioni di euro, arriveranno altri 420 milioni di euro. Potranno così andare avanti a pagare stipendi faraonici alle varie Littizzetto, ai vari Fazio, potranno ancora mantenere gli oltre 11.000 dipendenti, ossia più di quelli di Mediaset, Sky e La7 sommati insieme, potranno ancora sperperare soldi pubblici mantenendo sedi in Italia e all’estero che hanno costi spropositati e non producono nulla, e potranno ancora prendere in giro gli italiani spacciando questa feccia per Servizio Pubblico.
 
Ovviamente la porcata non sta nel fatto che il canone Rai sarà inserito nella bolletta elettrica, pagare con un bollettino o all’interno di una bolletta non fa alcuna differenza, la porcata è aver abolito la possibilità del suggellamento!!!
 
Una persona che possiede un televisore soltanto perché ha liberamente sottoscritto un abbonamento con una azienda privata (Sky o Mediaset che sia) e potersi così vedere dei programmi che egli gradisce, perché lo si costringe anche a pagare un canone alla Rai? Se la Rai a me fa schifo, perché sono obbligato a sovvenzionarla?
 
Renzi è arrivato dove nemmeno i fascisti avevano osato!!!
 
Il canone Rai infatti è una tassa introdotta nel 1938 in pieno regime. I fascisti, però, avevano perlomeno previsto la possibilità del suggellamento, consentendo, all’utente che ne faceva richiesta, l’esenzione dal pagamento del canone. Renzi ha abolito questa possibilità, una vera e propria vessazione nei confronti dei cittadini che si vedono costretti a pagare un pessimo servizio che oltretutto non hanno richiesto.
In pratica gli italiani verranno derubati di altri 420 milioni di euro che, come abbiamo
visto, saranno sperperati e serviranno a pagare ancora una pletora di lacchè, vili servitori dei politici di turno. Ma come al solito Renzi non si è limitato a imporre una vera e propria porcata, ha voluto fare di peggio, dando a questo capitolo della legge Finanziaria (o di stabilità) il titolo “Riduzione del canone Rai” e chiamando evasori milioni di italiani che invece non pagavano il canone in maniera assolutamente legale! In un Paese normale il Premier dovrebbe essere denunciato e costretto a risarcire tutti questi onesti cittadini italiani che sono stati da lui offesi ed insultati.
 
Altro che tasse in meno, se si derubano i cittadini di altri 420 milioni di euro significa che le tasse aumentano!!! Non diminuiscono!!!
 
Ma per capire quanto Renzi sia una persona subdola basta andarsi a leggere cosa diceva a proposito della Rai durante la Leopolda del 2011, quando cercava di conquistarsi fette di potere, ecco le sue parole: “Oggi la Rai ha 15 canali, dei quali solo 8 hanno una valenza “pubblica”. Questi vanno finanziati esclusivamente attraverso il canone. Gli altri, inclusi Rai1 e Rai2, devono essere da subito finanziati esclusivamente con la pubblicità, con affollamenti pari a quelli delle reti private, e successivamente privatizzati”.
 
Il punto successivo delineava la nuova governance del dimagrito servizio pubblico: «Dev’essere riformulata sul modello BBC (Comitato strategico nominato dal presidente della Repubblica che nomina i membri del Comitato esecutivo, composto da manager, e l’amministratore delegato). L’obiettivo è tenere i partiti politici fuori dalla gestione della televisione pubblica».
 
D’accordo che i politici in genere sono dei mentitori, ma pensare ad una persona più falsa ed infida di così è realmente difficile.
 
 

Antartica: il Confine del Mondo

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Hollywood e la beffa della Luna

 
Articolo tratto da PianetaXHollywood e la Beffa della Luna
 
Interessante, divertente e conciso questo filmato di Massimo Mazzucco sulla sensazione hollywoodiana che lo sbarco sulla Luna sia stato una messinscena. Ovviamente l’intreccio tra star system e NASA è interamente governato dai medesimi individui che ci inondano quotidianamente con menzogne di ogni genere. Quelle spaziali ne sono una tipologia e neanche la più cospicua.
 

25/01/16

La Gravità esiste?

 
 
 
 

Black POP Magick

 
La denominazione POP dovrebbe indicare una precisa caratteristica orizzontale ai generi classici del pianeta dell’intrattenimento, ossia la sua estrazione popolare, la sua origine spontanea e verace. Ciò ha corrisposto al vero, probabilmente sino all’avvento dei mezzi di riproduzione di massa, quindi ai primi decenni del novecento. Dopo l’introduzione di questi potentissimi mezzi di persuasione e propaganda che sono le radio, le televisioni, la stampa ed il cinema (ed oggi internet), la cultura cosiddetta POP cessa propriamente di esistere.
 
La longa manus del potere (palese ed occulto) se ne impossessa subito, veicolandone contenuti e protagonisti verso lidi propri, controllati e soprattutto utili. La cultura POP quindi diviene uno degli strumenti preferenziali di controllo delle masse in mano ai sempre soliti pochissimi burattinai.
 
 
La denominazione 'POP' inverte il suo significato originale, cessando di definire una provenienza ed indicando invece un obiettivo, un ‘mission’ peculiare: quella di indottrinare le masse, di ammansire e guidare il POPolo.
Prima della diffusione dei mezzi di riproduzione di massa, tale compito era essenzialmente svolto dalle religioni. Con l’attenuarsi della presa spirituale e materiale delle chiese occidentali sulle masse, la cultura POP si dimostrò lo strumento ideale per manipolare le menti del disilluso mondo, corrotto dai lumi scientisti ottocenteschi.
 
 
La cultura POP quindi oggi è una galassia controllata attentamente dalle elite, alla caccia del perfomer carismatico di turno da manipolare ed indottrinare (spesso con metodi violenti ed illeciti, con l'ausilio del famigerato programma nazista di controllo mentale ‘Monarch’) al fine di poterlo utilizzare come carrier di contenuti indispensabili per il controllo sociale di massa.
Questo è il motivo per il quale da sempre il pianeta del POP è intriso di simbologia e ritualità stregonesca, vicina alla magia nera, che non rappresenta affatto i desiderata del volgo bensì rispecchia le abitudini perverse delle elite. La magia nera inoltre permette di rendere il messaggio più potente, seduttivo ed ipnotico e quindi più efficace ed utile.
 
POP-Politics
 
Ultima considerazione: i settori del Pianeta POP (il nostro) non si limitano a quelli tradizionali della musica e del cinema ma debordano e coinvolgono ormai da decenni anche quelli degli sport di massa, della politica (definita a ragione politica/spettacolo) e della cronaca nera, intrisi anch’essi di potenti richiami simbolici alle pratiche stregonesche proprie delle elite.
 
Come salvarsi dall'influsso malefico del POP?
 

Stevens/Bowie and the Crowley Connection

 
 
 


24/01/16

David Jack Bowie Stevens - Lazarus?

 
Un nuovo nome, una leggera plastica facciale, una nuova identità sociale e la Pop-Star si ricicla, incarnando un nuovo personaggio, per poter proseguire la sua propria esistenza terrena in pace ed eternare il suo mito commerciale. E’ questa la tesi di alcuni arguti osservatori, come l’autore di PianetaX.
Nel caso di Bowie sarebbe Jack Stevens che ne avrebbe accolto la personalità, chiamato dalla rete televisiva Sky ad intervenire proprio a commento della recente sedicente scomparsa della celebre Pop-Star che, nonostante i tentativi di deificazione, è pur sempre e solo un performer: un attore insomma.
 
 
Occorre ricordare come le Pop-Star vivano comunque una sorta di esistenza parallela rispetto alla loro originaria di nascita. Hanno già cambiato nome, cognome ed aspetto fisico per lanciarsi da giovinetti nel mondo mediatico, perché quindi non farlo ancora?
 
 
Queste operazioni, comprensibili dal punto di vista commerciale ma indecenti da quello umano, sembra siano considerate la norma negli ambienti demiurgici del mondo POP, che comprende settori ritenuti a torto tra loro distanti quali la politica, la musica, il cinema, il giornalismo, l’economia …
Questa operazione su Bowie (di rinascita dalla morte, proprio come Lazarus, dal titolo di una sua recente opera musicale) ha inoltre numerosi e ben comprensibili risvolti economici positivi per le case di produzione.
Che dire infine? Buona pensione David Stevens Jack Bowie!
 
 

21/01/16

Avversario ed Avversari

 
Satana è un appellativo che compare nella Bibbia con il significato di ‘Avversario’. Il Satana quindi è un avversario di una parte, giocoforza la parte stessa diviene avversa della prima, meritandosi quindi a sua volta l’oscuro appellativo. Dovremmo quindi domandarci se il cosiddetto satanismo contemporaneo, molto diffuso in ogni ceto sociale, sia da considerarsi tale e perché.
 
 
Oggi definiamo satanico ciò che è oscuro, ritualizzato e contrario alle migliori aspirazioni umane. Dobbiamo allora necessariamente allargare l’insieme del satanismo ai tanti movimenti contrari all’uomo, come quello transumanista di palese impronta eugenetica, oppure a quelli di protezione della natura che privilegiano la natura selvaggia a quella antropizzata, sino a giungere alle tante procedure più o meno istituzionalizzate che, in un modo o nell’altro, si occupano di ingegnerie sociali ed ambientali.
 
 
Imporre al pianeta, o ad una porzione di esso, l’effetto di operazioni frutto di un pensiero unico di matrice scientista è avverso all’umanità e quindi propriamente satanico.
 
 
Già il dio biblico appariva spesso in aperto contrasto all’umanità. Ne veniva infastidito dal rumore, dalle secrezioni, dalla perfidia reciproca, sino a giungere a desiderarne la fine, grazie al diluvio universale. La scoperta dell’esistenza di alcuni superstiti (Noè & family) al tragico evento lo portarono ad uno stato di rabbia, placato solo dall’aspirazione di fumi stordenti (il fumo della carne bruciata, l’olocausto). Possiamo inserire il dio biblico nell’insieme del satanismo, ossia dell’avversione all’umanità? Se così fosse potremmo asserire che le religioni, emanazione di quel dio unico, sono di impronta satanica, ossia avversa all’uomo.
 
 
Giungendo all’oggi gli stati ed i sovrastati (ONU in primis) sono megastrutture che impongono i loro dictat per scopi di ingegneria sociale ed ambientale e dato che l’effetto di quei dictat è una strage silenziosa e lenta dell’umanità, dovremmo inscrivere anche quei sistemi nel calderone ormai ricolmo del satanismo?
 
 
Nel piccolo, il barone medico universitario che ‘sega le gambe’ al bravo concorrente a cattedra per far spazio al rampollo scemo del collega, non è satanista anch’esso? Non sta privando la comunità di una risorsa? Non sta agendo contro l’umanità che aveva da giovane giurato di servire?
Per concludere direi che dovremmo riconsiderare il termine Satana ed aggiornarlo alle odierne tragiche contingenze.
 

Osservazioni Ragionate

 
C’è un grande fermento nella rete sul tema ‘Terra Piatta’, tant’è che si è aggiunta al coro anche la disinformazione di stato. Tra le tante voci che si pongono questi cruciali quesiti esistenziali, vorrei segnalarne una in particolare, quella di FE Experiment. L’autore dell'omonimo canale di youtube, si adopera con mezzi semplici quali una buona videocamera, un GPS, un metro ed una livella ad effettuare delle osservazioni ragionate sullo spinosissimo problema della mancata percezione della curvatura terrestre.
Il nostro pianeta, a quanto ci raccontano le accademie, ha un raggio relativamente ridotto e la curvatura del globo dovrebbe essere facilmente visibile ad occhio nudo e comprovabile: non è così. Da osservazioni e riscontri, chiunque può rendersi conto che qualcosa non torna. La descrizione ufficiale del luogo fisico sul quale conduciamo le nostre vite non corrisponde alla sua percezione. Non si tratta solo di un problema legato ai sensi oppure alla pur presenti diffrazioni ottiche ma qualcosa di più consistente e, debbo ammettere, molto interessante.
Spero che chi legge si adoperi ad osservare e ragionare in proposito.   Buona visione:
 

18/01/16

Eco di un Complotto

 
Di fronte alla figura di Umberto Eco, il timido lettore sconosciuto si prostra atterrito. Le affabulazioni liminali del dotto Professorone infatti, a cavallo tra le lettere ed i numeri, lasciano attonito il benpensante, immaginando chissà quali alte e scoscese elucubrazioni si celino dietro tanta prosopopea e fama.
Nel suo stantio romanzo post-neo-gotico ‘Il Nome della Rosa’ ha dato sfoggio delle sue capacità tecniche, dimostrando di poter tenere testa ai migliori venditori di cassetta statunitensi del genere, mentre rivela, già dal titolo, le sue probabili appartenenze inconfessabili ai rami meno nobili delle Massonerie, così come dimostra abilmente l’Avv. Paolo Franceschetti.
 
 
Come se non bastasse, sull’onda del successo, si adopera a confutare l’esistenza e la pertinenza di qualsiasi movimento esoterico nella Storia, tranne ovviamente quello a cui probabilmente appartiene, nel suo squadernato e cupissimo ‘Il Pendolo di Foucault’, opera cara all'inquisizione contemporanea contro il libero pensiero. Da notare che è proprio il celebre pendolo, una (provata poi come errata ed inconsistente) prova della sfericità della Terra.  Per completare l’alta opera di normalizzazione intrapresa, si incammina infine per lo scivoloso compito di dimostrare l’infondatezza dei celebri Protocolli dei Savi di Sion, che invece qualche appiglio reale lo possiedono sicuramente, se non altro perché gran parte del loro progetto è stato poi realizzato.
 
 
Eco è quindi, apparentemente, uno dei mille araldi ufficiali ed accademici del materialismo storico, del determinismo ottocentesco e del pensiero unico, mentre invece è ben avvezzo all'occultismo. E' il pensiero del Cicap, del benpensante, dell’inquadrato e del controllore, del moderno inquisitore o del coglione. Quel pensiero scientista che abbiamo visto desolatamente ‘nudo’ dopo i falsi attentati dell’11 Settembre a New York per esempio, oppure che tace imbelle di fronte alle mille potentissime azioni di sabotaggio dell’ambiente naturale in corso … ma si sa, no? I complotti non esistono! Lo dice Umberto Eco …
 

17/01/16

La Stella Nera di San Giovanni

 
San Giovanni il Battista (ed anche l’evangelista perché per l’esoterista chi o cosa possiede lo stesso nome nello stesso tempo partecipa della stessa natura) è la figura principale di riferimento dell’esoterismo templare e massonico. La dottrina giovannita rappresenta la sapienza ermetica della tradizione orientale e giudea sino al momento dell’era cristica, quella cioè dell’antico testamento. San Giovanni è l’ultimo profeta di una tradizione spirituale antichissima che affonda le sue origini nell’Egitto e in Babilonia e che giunge sino al principio dell’era cristana, passando dalla sapienza del Tempio e mai interrotta, seppur segretamente, sino ad oggi.
 
 
Esistono quindi due tradizioni che si dipanano dall’anno zero: quella cristiana, principalmente essoterica, e quella giovannita, esoterica e sapienziale. Entrambi i suoi capostipiti sono stati grandi innovatori, entrambi periti di morte violenta. Fu però Giovanni che riconobbe il Cristo e lo battezzò, iniziando quindi lui il suo cammino spirituale ed ecumenico.
 
 
Secondo Chistopher Knowles, il significato occulto del brano ‘BlackStar’ di David Bowie è una specie di testamento che sottolinea la sua missione terrena di araldo del credo esoterico/cabalistico di origine giovannita.
 
 
La testa dell’antico astronauta, venerata ad opera di una oscura officiante, sarebbe quindi la testa del Santo e la Stella Nera sarebbe in definitiva proprio San Giovanni e Bowie lo avrebbe denunciato sventolando davanti alle stelle il suo vangelo nero stellato, come un evangelista apocrifo ed oscuro, dell’altro lato della luce, quella solare, oscurata infatti da una eclissi in grado di mostrare la realtà dei fatti e l’inganno e l'impostura della crocifissione e della figura marginale del Cristo e della Trinità.
 
 
Bowie compie nel videoclip il cammino dell’iniziato, in principio cieco ed infine araldo del vero credo. La sua veste, già indossata all’epoca di ‘station to station’ allude sia alle stazioni del calvario che al percorso cabalistico che l’esoterista compie tra le sephirot dell’albero della vita.
 
 
Per concludere mi sembra palese come Bowie sia stato un performer (magari anche partecipe ed in qualche modo consapevole, a differenza dei più) di una sceneggiatura antichissima e preponderante nel pianeta del POP (la Terra di questi tempi ultimi), chissà perché profondamente intriso di riferimenti occultistici e cabalistici.
 
 
Interessanti come sempre i raffronti sincronici di Knowles e le sue conclusioni frutto di notevole intuizione. Sembra infatti che la data della morte di Bowie sia stata chiaramente anticipata all'interno di una sua opera discografica recente. 
 
Il suo articolo, QUI.   Vedi anche, Morte di una Stella Nera .