22/04/17

Vaccini: radiato un Medico a Treviso!


Incredibile a Treviso: Radiato dall'ordine un cosiddetto medico 'anti-vaccini' 

L’Inquisizione di Stato fa la sua prima vittima, un buon medico che mirava alla personalizzazione delle vaccinazioni per adattarle ad ogni singolo paziente. Le vaccinazioni prevengono l’inevitabile morte? Sono strumenti indispensabili per il benessere collettivo? Permettono e promettono una lunga vita senza malattie? Domande retoriche: certo che no. Non si capisce quindi perché imporle con la violenza sorda e cieca dell'inquisizione. Hanno qualcosa a che fare con le capacità riproduttive future di ogni individuo? O sono soltanto un test per l’inclusione nella tribù degli integrati, quei deficienti che credono a tutto ciò che il regime ed i suoi araldi strillano?   


Radiazione di un medico anti-vaccinazioni in Italia. L'Ordine dei medici di Treviso ha radiato Roberto Gava, esponente della corrente critica ed individuale nei confronti dei vaccini. Così un comunicato sul sito personale del Dott. Gava:

"La radiazione è il massimo della sanzione irrogabile, ma non è conforme a Diritto, è stata presa da un organo che non è un giudice e a seguito di innumerevoli violazioni del diritto di difesa, colpisce mere manifestazioni lecite di pensiero e di scienza. Il dottor Gava è stato condannato soltanto per le sue idee, idee ben fondate sull’esigenza di personalizzazione di ogni vaccinazione per prevenire i gravi pericoli e i vari danni da vaccino ai singoli pazienti, contro la vaccinazione indiscriminata di massa. L’Ordine di Treviso infligge la massima sanzione, come quella che sarebbe inflitta ad un medico pluriassassino dei suoi pazienti. Ciò significa che nel caso Gava si è dispiegato il massimo di arbitrio e di irragionevolezza".

"E’ una condanna che sta contro i pazienti che non possono o non vogliono vaccinarsi. La condanna, e la massima sanzione, si rivelano ridicole in quanto sono frutto di altrettanto massima ignoranza e mancanza di rispetto per i diritti individuali. Ma sono così massimamente idonee a favorire interessi estranei a quelli della Giustizia, come quelli legati al mercato dei vaccini, o quelli legati agli illegittimi incentivi dati ai pediatri con denaro pubblico affinché somministrino i vaccini”.

La stretta del regime carcerario sull’affaire vaccini è sempre più sospetta. E’ chiaro come non ci siano solo interessi economici in ballo ma qualcosa di molto più importante ed interessante per i manipolatori occulti della biosfera e della psiche delle masse. C’è un nesso tra vaccinazioni ed il crollo della fertilità in occidente? Oppure si tratta solo di un’operazione di plagio psicologico di massa per far aderire a forza l’individuo nel calderone mefitico dell’adesione forzata al sistema? Una cosa però mi sembra certa: non si parla della salute dei più piccoli e la pressione vaccinatoria non ha nulla a che vedere con la profilassi ed il buon vivere.  

Il regime autoritario italiano che si preoccupa amorevolmente della salute dei suoi sudditi (avvelenati in ogni modo peraltro, anche illecito) è una cosa alquanto ridicola, un pensiero davvero ingenuo, una remotissima possibilità. 

Dove sono infatti le migliaia di bambini che scompaiono ogni anno? Quanti bambini muoiono ogni anno di indigenza, inquinamento, indifferenza? Perché si rimuove un buon Medico e non i Prefetti, i Sindaci, i Questori o gli operatori sociali che non fanno il loro lavoro?

5 commenti:

  1. Firmai a suo tempo la petizione a sostegno del dr.R.Gava. Francamente non ritenevo che si arrivasse a questo punto. Non so se questa radiazione diventerà un boomerang per chi l'ha voluta. Senz'altro l'autorevolezza del medico non ne risentirà, tutt'altro ma pagherà in altri termini il suo affronto, e caramente. Possiamo esplicitare il nostro sostegno?
    Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza iscrizione all'ordine non è possibile esercitare la professione di medico. Temo che al Dott. Gava ne seguiranno molti altri, l'inquisizione non si è mai fermata e mai si fermerà. Il pensiero dissonante deve essere eradicato dal regime di turno, con ogni mezzo, sempre.
      Chi esercita la libera professione di medico mi fa, in questo momento storico, molta pena. Ma sono tutti i liberi professionisti ad essere sotto attacco. Il pensiero non addomesticato fa sempre paura, molta paura. Ciao

      Elimina
    2. Se li faccia la Lorenzin i vaccini!!!!

      Elimina
  2. http://m.ilgazzettino.it/nordest/articolo-2395775.html

    RispondiElimina
  3. LA PREPARAZIONE SANITARIA CHE LA DIPLOMATA LORENZIN HA RICEVUTO AL LICEO CLASSICO SI MANIFESTA IN TUTTA LA SUA IGNORANZA, DURANTE LE SUE APPARIZIONI IN TV, DOVE TRA L’ALTRO HA AFFERMATO CHE:
    -, la pertosse sarebbe un virus;
    -. che la pertosse sarebbe un male incurabile e che i bambini li si ricovera e si darebbe loro "wuel che si trova";
    -. che per curare i virus si userebbero gli antibiotici;
    -. che per due anni consecutivi è andata raccontando che in Inghilterra ci sarebbero stati oltre 200 morti di morbillo,
    -. che eravamo di fronte ad un'epidemia di meningite ed altre amenità di questo tipo, ho fondati motivi per ritenere non solo che la Lorenzin non abbia la minima idea di ciò che fa e dice e parla di cose che non conosce prendendo informazioni, come disse lei, da "quello che trova", ma soprattutto che chi l'ha nominata, votata, riproposta, rivoltata e la citi, evidentemente, ha le medesime conoscenze. https://www.change.org/p/alla-corte-costituzionale-italiana-firma-contro-obbligatorieta-dei-vaccini-prevista-dal-disegno-di-legge-2679-del-pd

    RispondiElimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG