14/07/15

Euro-Carestia: il Teatro Greco


 
Faccio breve seguito al mio precedente post: giungono notizie sulla capitolazione finale di quell’illusione popolare denominata sinteticamente ‘Tsipras’. Qual è il messaggio da recepire al termine di questa ennesima e scontata performance istrionica?

Non esiste altro sistema al di fuori di questo

Sembra un comandamento biblico. La lezione per tutti gli uomini del pianeta è: non tentate neppure di immaginare una vita scevra dai vincoli finanziari correnti perché non solo non è possibile ma non esiste neppure!

Così come il Titanic è stato affondato per impartire una lezione alla presunta onnipotenza umana (così anche la Torre di Babele, distrutta) allo stesso modo le genti greche ritornino in quella fossa dei leoni chiamata Europa. Non si sfugge al controllo. Non esiste alternativa. Un recinto, una volta eretto, non può essere abbattuto se non per costruirne uno più grande ancora! E' un messaggio semplice che però, evidentemente, deve essere reiterato ogni tanto. Si distrugge solo per ricostruire.

Tsipras ne uscirebbe sconfitto se non fosse che non è mai stato un ‘salvatore della patria’ ma solo un debole attore, consapevole o meno della parte a lui assegnata. Torniamo nei ranghi europei. Scivoliamo (restiamo) nella dittatura, consapevoli del fatto che non esiste dittatura migliore. Perlomeno non ci bombardano direttamente ma solo indirettamente (con scie chimiche e veleni vari) come accade ad altre popolazioni vicine molto meno ‘fortunate’. Perdiamo giorno dopo giorno diritti acquisiti per il bene del nuovo luminoso ordine mondiale.

La facoltà immaginifica dell’uomo esce annichilita da questa performance europeista. Uno stile differente di vita da quello imposto è impossibile da realizzarsi. Occorre chinare il capo e vivere il corso degli eventi (posticci) per quello che è. Arrendersi al ‘face value’ della realtà. Non pensare ma soprattutto: non sognare.
 

16 commenti:

  1. da fonte russa segnalo:

    http://www.cyber-berkut.ru/

    diffondete la notizia ai TG se ci riuscite!

    Nell'articolo che precede al video si legge (Trad.):

    "Noi, CyberBerkut, abbiamo ricevuto un file il cui valore non può essere sottovalutato!"

    "Caro senatore McCain! Vi raccomandiamo la prossima volta che viaggiate all'estero, e in particolare per il territorio dell'Ucraina, di non portare con voi documenti riservati.

    Su uno dei dispositivi dei suoi colleghi abbiamo trovato un sacco di materiale interessante. Abbiamo deciso di rilasciare qualcosa:

    questo video dovrebbe diventare di proprietà della comunità mondiale!"

    scarica il video originale:
    http://www.cyber-berkut.ru/docs/world_need_to_know_this.mp4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Notizia senz'altro interessante. Spero non venga smentita. Strano però che provenga dall'entourage di quell'assurdo personaggio da avanspettacolo di McCain. Ciao

      Elimina
  2. Ci hanno tolto il diritto di lottare per un domani migliore, il che è lo stimolo di ogni evoluzione. Stiamo involvendo in una sottorazza di schiavi lobotomizzati. Per quanto mi riguarda l'ho quasi accettato (alternative?) e, più che di non piangermi addosso devo preoccuparmi di trattenere i conati di vomito. Poi ogni tanto leggo qualcosa di qualcuno che sta male come me e mi sento meglio :-)
    Oppure ascolto un po' di De André, di cui mi permetto di riportare un testo molto in tema, augurandomi di non fare cosa sgradita.. Un pizzico di poesia per contrastare il marciume globale ;) Ciao

    BALLATA DEGLI IMPICCATI
    Tutti morimmo a stento
    ingoiando l'ultima voce
    tirando calci al vento
    vedemmo sfumar la luce
    L'urlo travolse il sole
    l'aria divenne stretta
    cristalli di parole
    l'ultima bestemmia detta
    Prima che fosse finita
    ricordammo a chi vive ancora
    che il prezzo fu la vita
    per il male fatto in un'ora
    Poi scivolammo nel gelo
    di una morte senza abbandono
    recitando l’antico credo
    di chi muore senza perdono
    Chi derise la nostra sconfitta
    e l'estrema vergogna ed il modo
    soffocato da identica stretta
    impari a conoscere il nodo
    Chi la terra ci sparse sull'ossa
    e riprese tranquillo il cammino
    giunga anch'egli stravolto alla fossa
    con la nebbia del primo mattino
    La donna che celò in un sorriso
    il disagio di darci memoria
    ritrovi ogni notte sul viso
    un insulto del tempo e una scoria
    Coltiviamo per tutti un rancore
    che ha l'odore del sangue rappreso
    ciò che allora chiamammo dolore
    è soltanto un discorso sospeso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuele, cerchiamo di estirparlo però il rancore. Ciao

      Elimina
    2. Allora non possiamo smettere di sognare :) ciao

      Elimina
  3. Questa la ricordo dal sito ilCambiamento: "Se ritieni che quello che fai possa essere inutile per cambiare il mondo prova a pensare a quando cerhi di dormire con una zanzare attorno". Ognuno di noi puo' dare molto fastidio votando ogni giorni con i nostri comportamenti quotidiani e agendo su quanto e' in nostro potere. Non occorre pensare ai massimi sistemi. Il mondo sta cambiando per questo, per le scelte coraggiose di piccoli uomini che stanno diventando foresta. Verra' il tempo che qualcuno se ne accorgera'. Coraggio. Usciamo dai recinti.

    RispondiElimina
  4. belle parole ma quando non si hanno più soldi e un posto dove vivere, nè un lavoro il sistema ti ha già ucciso privandoti della libertà di muoverti... cosa che in natura invece non è... se anche ti trovano a fare il barbone all'angolo di un marciapiede chiamano la camionetta e se non hai dei documenti dietro, o nessun testimone ti possono pure fare un TSO senza motivo... questa è matrix...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la eurogenfor possono fare anche di peggio ...

      Elimina
    2. http://www.carabinieri.it/cittadino/informazioni/eventi/udjdmnd

      Elimina
  5. la filosofia e le parole sono molto belle peccato che poi prima che il mondo sia cambiato c'è gente come me che si potrebbe ritrovare sulla strada da un momento all'altro, senza lavoro, senza un soldo sul cc e senza casa...

    Andando oltre le parole, non esisterà nessuno che ha ancora certi privilegi ad aiutarmi...perchè ognuno pensa solo al suo orticiello e piange solo se stesso quando questo gli verrà tolto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tragedia che stiamo vivendo ha precisi mandanti. Dobbiamo essere solidali e molto attenti. Il futuro prossimo potrebbe impegnare tutte le nostre risorse. Altro non saprei dire. Esprimo però la mia solidarietà a chi ha compreso e divulga informazioni. Nessuno avrebbe immaginato che ciò potesse diventare un giorno addirittura 'pericoloso'! Ciao

      Elimina
    2. Esatto, è la 'controparte luminosa' della singolarità tecnologica. Vogliono arrivare a una grande 'intellgenza artificiale', per cui gli esseri umani sarebbero periferiche hardware, ma per farlo sono stati costretti a mettere in rete le nostre consapevolezze, che peró sono ancora biologiche, per il momento, con tutta l'imprevedibilità del caso. Vogliono rendere la società come una sterile macchina industriale, ma non ci sono ancora arrivati. La cosa singolare è che protestiamo contro le inaccettabili condizioni in cui vengono allevati gli animali, e cioè sempre più intensivamente per un profitto sempre maggiore, e spesso non ci rendiamo conto che anche noi esseri umani, ormai, stiamo diventando sempre più simili a quegli animali. Dare il meno possibile di energie a questo sistema è 'downshifting': cominciare a prendere le distanze 'dal mangime del padrone', cibi spazzatura e informazione rumenta. Chi puó dire che accadrebbe se un bel numero di persone si disintossicasse da questo avvelenamento dei corpi e delle menti?

      Ciao

      Elimina
    3. Una intransigente 'resistenza passiva' è per ora la nostra unica modalità d'azione. Poi si vedrà, soprattutto andando a constatare quanto male vorranno infliggere a tutta l'umanità ancora. Ciao

      Elimina
  6. OT con l'articolo sopra, ma perfettamente in tema con questo blog...

    mi sono permesso di tradurre un articolo:

    Pilota confessa:

    http://www.pdf-archive.com/2015/07/17/pilota-confessa/preview/page/1/

    sono 3 pagine sfogliabili direttamente sul sito di hosting oppure si può scaricare il .pdf

    RispondiElimina
  7. Mi sbaglierò, ma credo che la crisi greca sia un gigantesco specchio per le allodole, per evitare che si considerino i problemi reali ed epocali che da settembre si irradieranno dall'Impero di U.S.A.tana.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Zret ma cosa accadrà a Settembre secondo te? Legge marziale? Un bel terremoto artificiale? Un meteorite farlocco? Intanto le trasformazioni arcontiche procedono senza sosta e, se io fossi in 'loro', non toccherei nulla che ... 'va bene così'! Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG