02/09/15

Lo Sfascio - il Caso di Roma


aiuola romana tipica 

Lo sfascio generalizzato della società italiana è davvero evidente ed a nulla valgono le ridicole esternazioni di Renzi sulla cosiddetta ed inesistente ‘ripresina’ in atto.

Roma, la Capitale del paese che contiene in se quella perla di spiritualità che è il Vaticinio/Vaticano, langue in uno stato derelitto. La popolazione è in preda ad un delirio di tipo prebellico da accaparramento delle risorse. Mentre tutto sembra procedere nella norma, ci si odia per un barattolo di piselli carpito prima al supermercato, per ora senza un'apparente ragione logica.
 
scie chimiche sulla Capitale

L’ostentazione del possesso di inutili beni materiali non è cessata ed anzi è aumentata in questi tempi loschi. In un caldo desertico, secco ed opprimente (frutto dell’onnipresente e feroce geoingegneria clandestina), i sorrisi ipocriti dei vicini tingono l’atmosfera generale di un tono tragico indefinibile eppure seducente, non saprei davvero dire perché (forse perché veritiero?).

Il disvelamento è vicino. La Chiesa di Roma (ed in realtà di Babilonia) allunga i suoi tentacoli per tentare il colpaccio: prendersi l’appannaggio integrale (integralista) della ‘cura delle anime’, un settore dall’importanza vitale in alcuni ambienti elevati di tipo etero/etero.

Le aiuole si naturalizzano: ridivengono natura incontaminata, ove prevale il cereale selvatico e l’ortica.

Le buche nel manto stradale diventano parte del territorio e le strisce pedonali scivolano verso un’intelligibilità serena ed imperiosa.
 
scorcio con 'sorcio'

Gabbiani striduli e feroci Cornacchie, stremati dal caldo, volteggiano per predare il cibo delle ‘gattare’ prima che i felini, impauriti, ne possano approfittare, lottando tra di loro come la celebre garzetta di Caetano Veloso. Queste specie di volatili sono quasi immuni dall'inquinamento, ecco perché sono specie oggi predominanti.

Un contesto urbano abbandonato all’incuria, alla mercé di bande ignobili che approfittano della situazione per depredare ciò che resta del fallimento di una città capitale e, quindi, di tutta una nazione.
 

3 commenti:

  1. Basterebbe poco, anzi ,pochissimo, addirittura risparmieremo molti soldi se solo usassimo le nostre navi per rimpatriare tutti quelli che nn rientrano negli standard dei richiedenti asilo ( nell'attesa di modificarlo) Solo con questo semplice punto si risolverebbe quasi tutto, scoraggerebbe nuovi arrivi, e darebbe nuovamente fiducia in questo paese, rovinato da incapaci-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così facendo non otterrebbero il risultato prefissato: creare CAOS, diffidenza, spese e permettere ad alcuni di approfittarne a livello umano, politico, economico. Le leggi sull'immigrazione e sul controllo delle frontiere sono volutamente sibilline ed ambigue. Ciao

      Elimina
    2. Per il sistema la risoluzione di un problema è il PROBLEMA.

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG