07/10/15

Pianeta VideoGioco - aggiornato


 
Dalle ipnosi condotte da Calogero Grifasi e dalle ormai migliaia di testimonianze umane raccolte in giro per il mondo, nello spazio e nel tempo ed anche in contesti scientifici, sembra che una miriade di esseri coscienti ma non-umani insista, in un modo o nell’altro, sul nostro pianeta.

Si tratta di esseri freddi e calcolatori ed elusivi, abili principalmente con la suggestione e la simulazione, provenienti da luoghi disparati, che ronzano attorno a questo nugolo terrestre caotico ed abitato da omuncoli primitivi, letteralmente come api al miele.

Cosa li spinge ad affannarsi tanto? Quale motivazione li guida in questi luoghi insidiosi da ogni parte dell’universo?

Le interazioni con gli esseri umani sono le più disparate. Generalmente cominciano nei primi anni di vita ed anche prima, nei quali queste entità organizzano la strategia per lo sfruttamento futuro dell’individuo. Solitamente esiste la necessità di controllare e tracciare l’essere umano anche a distanza e questo è uno dei motivi del ritrovamento dei cosiddetti impianti alieni, piccoli dispositivi inseriti nel corpo degli 'addotti' capaci di monitorare o manipolare funzioni psichiche e corporee.

Queste interferenze generano problemi di salute e comportamentali anche gravi. Assai raramente però si arriva all’eliminazione del soggetto. Solitamente a monte dello sfruttamento di tipo parassitario tra umano ed alieno esiste un qual tipo di patto che vincola in modo del tutto erroneo le parti.
 
 
L’oggetto di tanto affannarsi è, sovente ma non unico, l’accaparramento di energia. Gli esseri predatori si nutrono delle emozioni umane generate da una componente energetica tanto potente quanto evidentemente rara che anima in modo sorprendente (ed inconsapevole ai più) la vita sul pianeta Terra.

Questo sfruttamento energetico avviene su di una dimensione difficilmente percepibile dall’uomo. Le conseguenze sui malcapitati invece sono evidenti e spesso fraintese con motivazioni mediche oppure psichiche personali e naturali. Esistono inoltre interferenze sul DNA dell'ospite (suo malgrado). Questa manipolazione genetica comporta disturbi generalmente più decisi e complessi da risolvere. Lo scopo sembrerebbe consistere nella creazione di entità ibride umano-aliene ed il loro monitoraggio sulla superficie del pianeta Terra. 

I vampiri energetici cercano di mantenere l’invisibilità e mascherano spesso (se scoperti) la loro azione predatoria con fantomatici intenti benevoli oppure con esigenze di aiuto reciproco e di necessità di adesione ad una qual contrattazione passata. Inutile ricordare come ogni patto possa essere scisso, sempre e comunque, soprattutto se l’oggetto del patteggiamento non era chiaro e completo o, peggio, fraudolento.

Gli eventi umani assumono, in questo scenario d’insieme, connotazioni nuove e ‘sfumate’. Data l’evidente manipolazione artificiale ed occulta del contesto storico, sociale, ambientale ed urbanistico nel quale conduciamo le nostre vite, si ha la sensazione fondata di far parte di una sorta di videogioco collettivo, una specie di ‘mondo’ circoscritto e gestito da regole ad uso e consumo della predazione. Le religioni, le consorterie occulte e quelle palesi (partici politici) e le organizzazioni mondialiste sono spesso utilizzate (se non addirittura create) dai predatori energetici per facilitare il controllo delle loro prede umane. L'essere umano ha la capacità di svincolarsi per sempre dal giogo alieno semplicemente volendolo, ecco il motivo di tanto lavorio elusivo ed occulto dei predatori.

La miriade di lacciuoli burocratici che ci vengono costruiti illecitamente attorno dalle sovrastrutture di potere, sembrerebbe confermare questa sensazione, consolidandola in una agghiacciante certezza. Anche la meccanicizzazione indotta e la costrizione sociale di questi tempi ultimi, sembrerebbero confermare questa sensazione, come mezzi predisposti per facilitare lo sfruttamento energetico umano.
 
 
Infine: l’uomo ha la facoltà di rompere ogni patto pregresso e di liberarsi per sempre dal giogo alieno. Questa possibilità è l’imperativo che emerge vittorioso dalle crude esperienze degli ‘ex-addotti’, esseri umani consapevoli e battaglieri a cui va la nostra gratitudine. Consiglio di ascoltare le illuminanti ipnosi di Calogero Grifasi.
 

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG