20/04/15

InvaSion


 
L’Immigrazione è uno degli strumenti messi in atto per indebolire le società europee, quella italiana in particolare. Si tratta per ora di una falsa emergenza, sia per la sua consistenza ed il relativo impatto sociale che per la sua chiara origine artificiale

Siamo sotto attacco, ve ne siete accorti?

Ogni giorno vengono scaricate in atmosfera, sotto forma di aerosol tossici, tonnellate di materiale non identificato da velivoli di varia natura ed origine.

La crisi finanziaria sta arrecando colpi di maglio morali e materiali alle popolazioni, soprattutto quelle della fascia mediterranea dell’Europa.

Legislazioni assurde (in ambito economico e sociale) impoveriscono il carnet dei diritti degli individui ogni giorno che passa.

Sprechi immani si consumano all’ombra degli uffici della burokràtzia, impedendo il dovuto flusso di denaro verso le fasce più bisognose della popolazione.

A queste operazioni si aggiunge ormai da decenni quella dell’immigrazione controllata.

Non si tratta certo di un fenomeno spontaneo. Come ho avuto modo di apprendere tramite i racconti di due avventurosi reporter inglesi, esistono nell’immediato retroterra nord africano decine di veri e propri campi di concentramento nei quali vengono fatti affluire migliaia di africani provenienti dalle zone interne e centrali del continente.

Tali esseri umani vengono poi smistati e condotti sulle coste dove sono costretti ad imbarcarsi (sotto minaccia armata) sul primo natante disponibile per poi subire la deportazione verso le coste italiane.

Siamo di fronte ad una vera e moderna tratta degli schiavi organizzata, non a moti spontanei per necessità.

Intendiamoci, la necessità di condurre vite decenti a monte esiste eccome. Dai resoconti di alcuni medici italiani in zone remote, quelle di origine dei migranti, escono fuori situazioni preoccupanti, ma è chiaro come la spinta alla migrazione sia indotta da un’organizzazione vasta che opera in maniera occulta e non certo solo per denaro.

Siamo di fronte all’ennesima operazione in corso di ingegneria sociale, ovviamente portata avanti in modo clandestino, che ha lo scopo, essenzialmente, di indebolire le società europee, di generare conflitti e difficoltà logistiche ed economiche, oltreché di porre in essere la cosiddetta società multietnica che è solo uno dei desideri dei burattinai e che nessuno (migrante od ‘indigeno’ che sia) desidera.

La società multietnica è uno degli obiettivi del nuovo ordine mondiale, davvero utile per ridurre ulteriormente diritti e possibilità alle popolazioni autoctone, generando una continua tensione sociale (che aumenterà parecchio nel giro di pochi mesi, temo) e problemi di ordine pubblico.

Tale invasione programmata, sarà utile inoltre per il teatrino della politica da utilizzare per le prossime campagne elettorali per tenere la popolazione occupata nell’ulteriore inutilissimo dibattito.

Ciò premesso, cosa dovremmo fare?

Aiutare i profughi, vittime come noi di un progetto ferale di annichilimento di popoli, culture e tradizioni, fermo restando le profondissime e bellissime differenze interiori che caratterizzano gli individui di tutto il pianeta.

La ‘differenza’ non è un problema ma una ricchezza. Amalgamare gli essere umani in un continuum grigio indebolisce e depaupera tutto e tutti.

La società multiculturale è fallita anche nell’attentissima Francia, ove si sono costituiti gruppi umani che condividono lo stesso territorio in uno stato di tensione e reciproco sospetto, ovviamente indotto ad arte con l’ausilio di falsi attentati come quello della sede del giornale satirico Charlie Hebdo, per esempio.
 
Il programma degli assassini è semplice: da un lato creare associazioni sedicenti integraliste e farle compiere azioni immonde, dall’altro fomentare l’emigrazione di esseri umani prevalentemente islamici verso i lidi cristiani del sud Europa: il gioco è fatto!

Se poi ci aggiungiamo la destabilizzazione programmata di tutti gli stati del nord Africa, eliminando i loro leader storici (Mubarack e Gheddafi in primis - che garantivano comunque una certa stabilità in quei paesi) il processo di disintegrazione delle culture subirà un rapido incremento.

Ultima notazione curiosa: è l’Italia il paese più colpito del ‘gruppo’ europeo. Il nostro paese subisce in pieno l’ondata di tutti i mezzi distruttivi messi in atto dagli ingegneri del male. Com’è mai? Troppa Storia? Troppa cultura? Troppe difese? Troppa creatività? Troppe risorse?

Chiediamocelo prima che sia troppo tardi e che l’Italia non esista più. Non come vuoto contenitore di popoli ma come somma felice di realtà preziosissime ed uniche al mondo.

-  il logo di Google di questi giorni -

Un'ultima ipotesi, in forma di domanda: non è che creando consuetudine alla presenza del 'diverso' che viene da lontano si voglia preludere ad una assuefazione forzosa di 'realmente diversi' provenienti da ancora più lontano?
 

9 commenti:

  1. Piano Kalergi. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e nere, per creare un gregge multietnico senza identità culturale e facilmente dominabile dall'elite al potere. C'è scritto tanto su wiki tanto nei libri di storia.. Non è una questione razziale ma culturale, sono 70 anni che ci manipolano in questo senso, la seconda guerra non è mai finita, si è evoluta tramite l'ingegneria, meccanica, elettronica, chimica, biomedica.. e oggi siamo, come dici tu, all'ingegneria sociale. Per ultimo arriverà l'ingegneria culturale: t'installo 'windows manciurian' o 'matrix 2.1'? Liberi di scegliere :)
    Il mondo ha bisogno di meno ingegno e di più verità? Ciao Ghigo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ingegneria mentale mi fa molta paura ... per fortuna non sono ancora riusciti ad ingegnerizzarci l'anima! - (troppa energia per loro) - Per il resto, il mondo materiale è nelle loro mani, ogni giorno di più, complice la nostra 'comodosa' ignavia. Il 'gregge multietnico' è non solo grigio ma in perenne tensione interna con ulteriori perdite di tempo ed energie ed il sedicente dibattito politico italiota di queste settimane ne è la prova. Ciao e grazie per il commento Emanuele

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Concordo con Emanuele, anche se non vedo in questo nefando intervento alcunché di culturale. E' un crimine con fini appunto di ingegneria sociale. Evocare la cultura in tali casi è come affermare che Paolo Attivissimo conosce la lingua italiana.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semmai ... di una 'cultura' ogm ... ;-)

      Elimina
  4. Ciao, daccordo che la cultura è proprio ciò che si sta cercando di annientare.. Ma per ingegneria culturale intendono l'uniformazione dei pensieri (mi vengono in mente molti personaggi pubblici, oltre che politici..). L'elettronica e l'ingegneria biomedica galoppano.. Quando avremo wikipedia, google e facebook installati direttamente in noi, probabilmente ci uniformeremo ulteriormente al bassissimo livello di consapevolezza previsto per il gregge. Avete letto della proposta di legge - su carta - del PD con riapertura dei manicomi e TSO per "individui non conformi"? Sarà vero? Vogliono spaventarci o siamo allo step successivo di questa distopica società orwelliana? Confesso che più che spaventato sono molto perplesso.. Speravo fossero solo le stronzate di renzi. Mi ricorda il caso fincantieri: l'anno scorso l'AD dichiaró "fosse per me metterei il microchip nelle scarpe ai dipendenti".. E quest'anno ecco arrivare la proposta nero su bianco. Sapete cosa è peggio? Ho parlato con alcuni ex-colleghi, ebbene i sindacati stanno passando - con successo - il messaggio "il microchip? Le telecamere? Sciocchezze. Noi vogliamo gli aumenti salariali che ci aspettano". La strategia è quella di sminuire, ma ci vogliono sempre più come i polli d'allevento. Ciao Zret ciao Ghigo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "..gli aumenti salariali che ci spettano, e stiamo aspettando da tempo".. Ci prendono per stanchezza, ci confondono, alla fine ci portano a vendere la nostra libertà per due noccioline, senza neppure esserne consapevoli.

      Elimina
    2. Il lavoro è la più grande trappola per l'uomo, non a caso la nostra costituzione massonica recita che l'Italia stessa è fondata sul lavoro, ossia sulla sorveglianza, il ricatto e la punizione. 'Sorvegliare e Punire' è il ruolo degli stati moderni e la tecnologia permette loro di andare più in profondità con il minimo sforzo. Nell'omologazione poi è più facile scorgere il 'diversamente pensante', no? Ciao Emanuele e grazie per i tuoi commenti

      Elimina
    3. Ottimi contributi.

      Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG