27/08/15

Creazione e Gestione dell'Ambiente Antropico


'città fantasma' cinese

Quegli agglomerati abitativi ad alta densità denominati città, connotano da millenni un paesaggio un tempo naturale. L’aggregazione in nuclei di condensazione massivi e stabili è una prerogativa dell’essere umano e degli insetti. Il tessuto urbano è ciò che più si avvicina al concetto di artificialità, di distanza dallo stato naturale.

Le città rappresentano perfettamente la struttura sociale che le ha prodotte ed abitate. Ad ogni mattone posato, corrispondono infatti equilibri sociali, che rispecchiano la composizione ed i rapporti di interazione tra i diversi strati della popolazione e le elite che tutto controllano e gestiscono.
 
UR
 
L’urbanistica però, da sempre, è appannaggio delle elite di potere che dispongono gli assi viari, la posizione degli edifici più importanti e le caratteristiche di massima che dovranno avere gli edifici popolari (norme tecniche di attuazione). La distribuzione urbanistica risponde quindi a precise esigenze di controllo e gestione della plebe. Dall’impostazione progettuale della città di Ur (da cui deriva probabilmente la parola urbs e quindi urbanistica) alle moderne megalopoli, anche la toponomastica è un sicuro appannaggio delle elite.

Un aspetto del contemporaneo davvero sorprendente è la costruzione delle cosiddette ‘città fantasma’, grandi agglomerati urbani definiti fin nei dettagli, ma disabitate oppure percorse da sparute pattuglie di sicurezza e pochi addetti alla manutenzione.
 
la città nuova di Kilamba (Angola)
 
Ne sono sorte decine in Cina ed anche in Africa, in zone disabitate e semidesertiche. Tali zone, prive spesso di un corso d’acqua naturale, erano rigettate dagli antichi urbanisti perché prive dei requisiti igienico sanitari ritenuti necessari. La pianificazione urbanistica dell’antichità era inoltre assoggettata alle conoscenze astronomiche ed alle esigenze ritualistiche basate su di un codice magico esoterico. Leggendo però alcuni testi, scopriamo come anche le pianificazioni più recenti rispondano a tali requisiti, probabilmente gli stessi delle ere più remote.
 
 
Ciò verrebbe a sostegno delle tesi espresse da Diego Marin nei suoi libri, in cui traccia le storie millenarie di alcuni gruppi di sangue (la confraternita dell’occhio che tutto vede, il serpente rosso, il Sangreal) che nascondendosi dietro una religione, dei gruppi di potere od uno stato intero, impongono i loro voleri alle genti del pianeta.

I lavori di Marin sono un susseguirsi quasi concitato di dati (attendibili), persone, fatti ed opinioni che inseguono queste genie funeste dai tempi biblici (ed anche prima in verità) sino ad oggi. Le ipotesi di Marin sono condivisibili? Senz’altro. La confraternita del ‘Monocolo’ impera nell’era presente e, immaginiamo, sia prossimo il suo disvelamento definitivo. La sua simbologia infatti campeggia in molti settori dell’informazione, dell’intrattenimento (che poi sono la stessa cosa) e delle corporazioni.

Viviamo quindi in costrutti artificiali frutto di attenta pianificazione. Nulla accade per caso in questi contesti inquinati. La struttura del nostro pensiero e della nostra memoria è profondamente influenzata dal contesto ambientale in cui viviamo e questo i confratelli lo sanno molto bene. L’influsso della confraternita prosegue il suo corso indifferente a tutto e tutti. Come fermarli? Cosa accadrebbe se li fermassimo?
 
vedi: LINK
 

6 commenti:

  1. E' notevole che un fisico quantistico come Marin, dalla formazione quindi scientifica ed empirica, dimostri questa apertura mentale che gli ha consentito di andare oltre la superficie della storia ufficiale.

    L'urbanistica e l'architettura adempiono precise funzioni sociali e persino ideologiche: la città è il luogo dell'uomo o della sua alienazione? Domanda retorica.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi. Tanto per ridere: anche in matrix, ricordate il primo programma che caricava? Struttura :)
      Viviamo in un sortilegio. L'altra sera ho visto un vecchio film, Festen - Festa in Famiglia, un bell'esempio di presa di coscienza e ribellione, guarda caso nei confronti di un patriarca pederasta nonché massone..

      Elimina
    2. Le strutture urbane influenzano le strutture interne del pensiero dei suoi abitanti. La memoria soprattutto ma anche il linguaggio e quindi la parte più profonda del nostro inconscio. Gestire l'esterno per gestire l'interno? Mi andrò a vedere Festen ... ciao!

      Elimina
    3. Si, un caso singolare. E' in uscita un suo nuovo libro (dedicato in maggior misura all'attualità) che, credo, si intitoli 'la linea di sangue'. ciao

      Elimina
    4. Credo proprio che lo acquisterò.

      Ciao

      Elimina
    5. Il primo capitolo è disponibile gratuitamente sul suo sito

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG