13/08/15

Impallati Neri!


 
La California, tenuta in uno stato di emergenza idrica, grazie alle ben note e criminali operazioni di geoingegneria clandestina che impediscono il naturale ciclo delle piogge, vede attuarsi un’operazione di ‘preservazione della qualità idrica’ davvero inquietante.

Milioni di palle di plastica sono state versate nelle riserve idriche, quasi a secco, per impedire che il soleggiamento eccessivo, trasmuti il cloro, immesso nelle acque come antibatterico (?), in bromato, un sospetto carcinogeno.
 
 
Due gli aspetti da osservare, sui quali riflettere: si crea l’emergenza idrica artificialmente e poi si producono operazioni di emergenza che sarebbero state per altro inutili se non si fosse aggiunto il cloro all’acqua potabile. Che fine faranno le palle di plastica? Quali sostanze a loro volta rilasceranno in acqua? Chi decide per queste misure d’emergenza demenziali? ... Qual è il vero fine di questa operazione?

Tra poco, per impedire il soleggiamento ritenuto eccessivo dagli scienziati di regime, si imporrà, con la medesima procedura d’emergenza, di disperdere nanoparticelle metalliche in atmosfera, con il tramite di aerei di linea o droni militari.

Si vuole indurre nelle menti dei cittadini l'errata consapevolezza che si debba necessariamente procedere dall'alto, d'urgenza e con misure drastiche 'parascientifiche' per sanare gli effetti dei cosiddetti cambi climatici, in realtà indotti artificalmente, al di fuori di un seppur minimo controllo democratico? 

Come al solito, si creano le emergenze per poi disporre soluzioni drastiche dalle mille controindicazioni, per coprire chissà quale nefando scopo militare di controllo psico-sociale. Questa ridicola operazione californiana mi 'puzza' molto di operazione psicologica di massa ... staremo a vedere ...
 

10 commenti:

  1. Incredibile, come se la plastica non fosse cancerogena.. Siamo in un'epoca neo-alchimista, come cavie inermi a bocca aperta. Hanno disintegrato la volontà dell'individuo e ora non ci resta che affidarci a istituzioni corrotte guidate da negromanti, a loro volta servi di egregore. Quale incantesimo può farci restare indifferenti a tutto questo? Dopo cloro, fluoro, nanopolimeri, metalli e chissà che altro, mancava solo questo nell'acqua. Fanno veramente girare.. le sfere. Un'altra cosa interessante da verificare sarebbe il grado di parentela (o clientelismo) tra chi stampa la plastica e il governo californiano. Solo per restare nelle ipotesi più 'terra-a-terra'.. Ma viene anche il dubbio che non si tratti di sola plastica.
    Il vero danno è il beneplacido del popolo. Sì, potrebbe anche essere 'un test': se accettano questo, possiamo partire con quest'altro. Pensare che queste misure vegngano adottate per il bene comune è un pensiero ingenuo, indietro di almeno mezzo secolo. Ma John Wayne è morto da un pezzo... Svegliamoci, oggi va di moda l'eroe cattivo. I casi di corruzione che scoppiano oggi a Roma, domani a Milano, sono solo la punta dell'iceberg di un sistema che sta implodendo. La vera notizia sarebbe quella delle risorse pubbliche gestite con buonsenso. Per esempio, in Italia la privatizzazione della gestione delle risorse idriche ha portato a un aumento delle bollette da 4 a 6 volte in una decina d'anni, e il trend continuerà per gli anni a venire, fino a quando anche la voce 'acqua' non sarà più un diritto ma un privilegio. Perfino le fontane di acqua potabile, pubbliche, sono quasi completamente sparite. Dove vanno tutti questi soldi? Di certo non vengono investiti nella manutenzione: si stima che oltre il 40% dell'acqua pompata dalle falde acquifere in Italia venga dispersa a causa di perdite nelle tubazioni. Io li metterei tutti a picco e pala, altro che appalti d'oro e gestioni mafiose. Ma sono lotte da don Quixote. Il sindaco locale, qui, aveva indetto una vera e propria campagna contro la privatizzazione dell'acqua. Il problema è stato risolto boicottando la giunta e cambiando sindaco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in barba al referendum ... l'acqua è divenuto un bene privato, nel senso: di cui i cittadini sono 'privati'! Il costo dell'acqua è decuplicato in alcune zone d'Italia e la sua gestione è avvolta dal mistero. I grandi sistemi, l'acqua, la finanza, il clima ... solo i tecnici dell'Onu possono intervenire in questi delicatissimi settori, no?
      La cosiddetta politica mi sembra sempre più la corsa dei topi a rosicchiare il poco rimasto prima che la nave affondi ... ciao Emanuele e grazie

      Elimina
    2. Grazie a te. Come per il nucleare, due volte il popolo ha detto no, ma la demoNcrazia non prevede nulla più dell'illusione, della scelta.. Ultima chicca: nuova bolletta dell'acqua appena arrivata. Un pacco di fogli incasinati, poco intuitivi, bisogna studiarci bene per capire come sono passati dalla fatturazione quadrimestrale ad una trimestrale. Quindi il canone va moltiplicato x 4 anziché x 3, su base annuale. In teoria dovrebbe essere diminuito, invece è aumentato, per l'ennesima volta, come pure la quota a metro cubo. Ho fatto il conto della serva: l'acqua è aumentata di circa 9-10 volte in 10 anni (qui). Dato che la gestione dell'acquedotto pubblico è affidata ai sindaci, come fanno le mafie ad ottenere contratti delega su vaste aree di territorio? Come possono permettersi di decuplicare i profitti senza investire nulla o quasi in manutenzione? Da una ventina d'anni sono state istituite le Conferenze dei Sindaci (una per ogni ASL credo), per superare le volontà locali e imporre il pizzo sull'acqua. C'è perfino l'associazione nazionale..
      I margini d'involuzione non mancano, se non ci fanno ancora pagare l'aria che respiriamo è perché non è facile quantificarla. Si potrebbe stabilire un forfait. Se uno è inabbiente, che smetta pure di respirare. La direzione è questa..
      Questo aspetto già da sé giustificherebbe un'insurrezione popolare, proprio come in alcuni paesi sudamericani: guadagni 2 dollari al giorno, e te ne fanno pagare 30 al mese per l'acqua! Ma quando si arriva a quel punto, per tornare indietro deve scorrere più sangue che acqua..
      E' come dici tu: siamo al saccheggio finale dei beni pubblici. Se non si curano delle conseguenze è perché sanno che ai moti, alle insurrezioni, si arriverà in ogni caso. Evidentemente, questo è l'obiettivo, creare il caos prima del nuovo ordine.
      Ciao Ghigo

      Elimina
    3. L'aria è già tassata, se pensi a come viene ammorbata ed ai danni che ciò procura. Io vorrei, dato l'esborso, conoscere in dettaglio la composizione dell'acqua che ricevo, no? Ed invece, niente: cifre da consorzio privato ma servizio da monopolista statale! Una vera vergogna. All'insurrezione popolare, temo, si arriverà quando scarseggerà il cibo. Fino ad allora, ingoieremo di tutto, proprio come sta accadendo. Ciao

      Elimina
  2. Il trucco non è fer scarseggiare il cibo, è renderlo velenoso ed economico con edulcoranti, conservanti e tecniche di realizzazione industriale che oltre a privarne di qualsiasi valore nutritivo li rendono dannosi per la salute. Se affami le persone queste s incazzano, se le avveleni con il glucosio, gli steroidi, oli di palma e affini, aromi, edulcoranti, farine raffinate - integrali pseudo tali, ti abbracceranno come un padre perchè hanno un buon sapore.

    RispondiElimina
  3. Ma d altronde uomini che non riconoscono un cielo azzurro con nuvole da bel tempo da uno chimico, che continua a credere che una panda 4x4 inquini, mentre un 737 fa solo dell innoquo vapore acqueo, sono uomini con un problema. Abbiamo abnegato la nostra percezione a un mondo di fantasia pseudoscientifica.

    RispondiElimina
  4. Almeno fosse acqua pura e sorgiva! E' piena di metalli ed altri veleni. Da anni la chiamo "baracqua"...

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben impregnata del neurotossico fluoro, diserbanti e porcherie varie ... chissà cosa bevono le elite californiane?

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG