21/12/15

Il Programma - prima parte


 
Da un'intervista con David Jacobs su "La minaccia"
con il giornalista Sean Casteel

Professore alla Temple University, David Jacobs, ed autore di numerosi libri apprezzati sulla controversa presenza segreta di UFO in America, ha trascorso più di 40 anni nella ricerca di UFO e rapimenti alieni. Ma è stato solo di recente che si è sparsa la voce che avesse risolto il mistero, per la sua propria soddisfazione.

Le soluzioni a cui è giunto sono oggetto dei suoi libri, il terzo ed il quarto: ‘La Minaccia - Che cosa gli alieni desiderano realmente e come intendono farlo’ e ‘Walking Among Us - Il Piano di Controllo Alieno dell’Umanità’. Trovare risposte non è stato un evento felice per Jacobs. Ci ha detto di recente che ora si avvicina a questo tema, con un atteggiamento di paura e profonda preoccupazione per il futuro dell'umanità e di quel pianeta che noi esseri umani chiamiamo casa.
 
David M. Jacobs, Ph.D. della Temple University 

Casteel: Che cosa gli alieni vogliono davvero?

Jacobs: Beh, sai, l'ultima domanda da chiedere sul fenomeno UFO è proprio ‘Che diavolo pensi che stiano facendo qui?’ Questa è la domanda che ho cercato di affrontare in questo libro – dove porta questa storia? Cosa sta succedendo qui? Perché succede questo? Perché la gente si sta accorgendo che questi eventi stanno accadendo? Quindi quello che ho fatto è cercare di rispondere a queste domande nel miglior modo possibile, utilizzando tutte le informazioni che posseggo da undici anni di ricerca abbastanza intensa sui rapimenti alieni.

E quello che ho potuto trovare è che questo è un PROGRAMMA. Non sono qui solo perché stanno esaminando le persone, per studiare le persone, o per sperimentare sulle persone. Non lo so, Sean, se ti ricordi ho tenuto una conferenza a Los Angeles su questo tema, quando ti ho conosciuto. Quindi non sono qui per "esaminare" noi in qualche modo. Sono qui in missione. Sono qui con un obiettivo in mente. Hanno un programma, ed è un programma con un inizio, uno svolgimento ed una fine. Si tratta di un programma che è orientato e penso che stiamo entrando in una sorta di fase finale di questo programma. Penso che ci stiamo muovendo verso la fine.

E il programma in ultima analisi, non è il rapimento di persone. I rapimenti, si deve ricordare, sono un mezzo, non un fine. Stanno rapendo le persone per uno scopo, per un motivo. L'atto fisico di rapire persone, che è il fenomeno definito ‘abduction’, è in realtà solo una parte del programma. Quindi quello che ho fatto è una specie di divisa in parti componenti e concretizzati fuori molto di più.

Quindi quello che abbiamo qui è un programma di rapimento, un programma di allevamento, che rappresenta tutta l'attività riproduttiva che vediamo, e un programma di ibridazione, che è il motivo per cui la gente vede gli ibridi tutto il tempo sia come bambini, che come adolescenti e quindi adulti.

E poi, alla fine, credo che tutto questo stia portando ad un programma di integrazione in cui, in ultima analisi, questi ibridi dall’aspetto molto umano, saranno integrati in questa società. Ed alla fine, suppongo, avranno il controllo su tutto perché hanno una tecnologia superiore e capacità fisiologiche superiori, che noi non abbiamo. Saremmo quindi una sorta di cittadini di seconda classe, credo.

Ora, io trovo che questo è molto preoccupante. E la cosa interessante è che io non vedo altri scenari. So che la gente sente che tutto ciò è positivo, che è meraviglioso e tutto il resto. E che sono qui per aiutarci. Ma nei casi che ho indagato, con molta attenzione e molto bene, per un tempo molto lungo, non ho mai avuto dubbi. Quando le persone discutono del futuro, in generale, stanno discutendo su questo programma di integrazione che stanno affrontando e che stiamo tutti per affrontare. Sono stato coinvolto nella ricerca ufologica per circa 32 anni, dal lontano 1965, e non sono mai stato abbattuto o depresso per il fenomeno. Non sono mai stato pessimista al riguardo. Sono sempre stata piena di meraviglia e di stupore e di stupore. Sono stato sempre entusiasta e ottimista al riguardo.

Ma devo dire che ora che ho imparato ciò che ho imparato (e credo di aver appreso tanto), sono molto, molto instabile e sconvolto da quello che vedo. Non mi piace quello che vedo. Vorrei non aver visto tanto. Vorrei non aver scoperto nulla. Mi Dispero. Mi ha gettato in un tremendo senso di preoccupazione per il futuro e di disagio. So solo che non mi piace molto. Mi piacerebbe non averlo fatto. Io non voglio esistere in questo modo. Io non voglio essere il portatore di cattive notizie. Non avrei mai immaginato di essere giunto a questa posizione.

Quello che sto vedendo ora, quello che ho trovato del fenomeno, non avrei mai potuto immaginarlo.

Ora però, mi sono persuaso dalle prove. Credo che siamo di fronte ad un pesantissimo evento che accade proprio di fronte a noi. Come sapete, gli avvistamenti UFO ed i fenomeni dei rapimenti sono molto, molto diffusi. E la gente ha visto decine di migliaia, centinaia di migliaia, forse milioni di UFO in tutto il mondo per lungo tempo ormai, almeno attraverso il 20° secolo e certamente a partire dal 1947, ed anche prima. Ciò significa che la quantità di tempo e di energia profusi in questo programma è davvero enorme. Ciò significa che questo programma ha una quantità enorme di importanza per questi esseri.

E c'è un altro aspetto anche questo sconcertante. E' un fenomeno segreto. Loro non ci vogliono far sapere quello che stanno facendo. Essi non vogliono che interferiamo. Questo è un programma consapevolmente segreto e di successo per impedirci di sapere. Accidenti, ciò mi mette molto a disagio, Sean. Comunque, sono diventato depresso su tutta la faccenda. 

Casteel: Quindi la ragione di tutto questo sentimento negativo e della depressione è perché senti che io e te e tutte le persone, che sono gli esseri umani ‘naturali’, sono in qualche modo oggetti di una più alta forma di oppressione? 

Jacobs: di autorità. Io credo che una cosa del genere stia per accadere. Questo è il mio modo di guardare, essi possiedono piani d'azione che non mi piacciono.

Anche tutto il resto di loro non mi piace. L'unico scenario che mi piace è che, un giorno, verranno a rapirti dicendo: "Il nostro programma è finito. Abbiamo realizzato il nostro obiettivo. Abbiamo preso quello che ci serve. Grazie mille per il vostro aiuto. Grazie mille per la vostra cooperazione. Stiamo andando via. Non saprai mai che siamo stati qui. La gente si chiederà sempre se sono stati rapiti o no. Arrivederci e buona notte." Questo è il mio scenario preferito. Mi piace questo scenario. Ma in realtà, non l’abbiamo mai sentito. Sentiamo sempre uno scenario per il futuro in cui questi esseri dicono che stanno procedendo per rimanere qui con noi.

E tutto sarà meraviglioso. Tutto sta andando alla grande. Sta andando in modo semplicemente delizioso. Questo è il futuro secondo loro, ma quando do uno sguardo alla loro società, e guardo ad un futuro in cui saremmo sotto il loro controllo a causa della loro superiore tecnologia e capacità fisiologiche, vedo una società molto, molto diversa da quella in cui viviamo oggi - una società che è molto più limitata e di gran lunga più controllato. L'intero concetto di libertà individuale in questo tipo di società sarebbe in grave questione. Non mi piace. Io non lo voglio. Avrei preferito avere gli esseri umani fanno i propri errori e risolvere i propri problemi e fare le cose da soli. Penso che siamo perfettamente in grado di farlo. Penso che possiamo vivere tutti insieme in un futuro felice. Penso che sia all'interno del regno della possibilità.

Casteel: Così dipingono un quadro utopico di quello che sta per succedere?

Jacobs: Beh, dipingono un quadro di ciò che considerano un bene per se stessi. Loro vivono in una società controllata. Vivono in una società in cui tutti conoscono il lavoro degli altri. Vivono in una società dove tutto è controllato. La possibilità per le persone ad agire in modo indipendente è molto, molto circoscritta in questo tipo di società in cui vivono. E' solo che non mi piace. Sono pieno di apprensione per questo. Ora la cosa fondamentale è che sono qui per un motivo. Essi non stanno studiando o sperimentando su di noi, e stanno mantenendo su di noi il segreto sulla loro attività in corso.

Casteel: Questo è quello che dicevi alla conferenza, che erano ben oltre la fase sperimentale.

Jacobs: Giusto. In realtà, questo era il titolo della conferenza "Questo è un esperimento od un programma?" Non c'è bisogno di essere uno scienziato per vedere cosa sta succedendo. Questo non sembra un esperimento per me, lo sai.
Va avanti in tutto il mondo coinvolgendo milioni di persone per oltre 50 anni. Giorno dopo giorno, 24 ore al giorno. Che tipo di esperimento è quello? E ci sono un sacco di altri motivi per cui non si tratta di un esperimento.

Quindi è sconcertante. E non l’ho mai pensato fino a quando non ho cominciato a mettere tutto insieme, fino a quando ho cominciato a venire a queste conclusioni e mi rendo conto che credo che sia così. Penso che nel libro, in fondo, non faccio ipotesi avanzate, che potrebbe benissimo descrivere essenzialmente ciò che questo fenomeno UFO è. Questo non è l'aspetto finale da studiare su questo fenomeno, ma io credo che ho concretizzato quali siano i loro obiettivi ed i loro scopi anche se non siamo esattamente sicuri di tutto.
Perché vorrebbe farlo in primo luogo? Qual è il punto? Noi in realtà non lo sappiamo. Penso che questa sia certamente una risposta ipotetica al puzzle UFO. Penso però che, più o meno, abbiamo dato una risposta convincente. Questo è ciò che stiamo osservando. E quindi penso che stiamo osservando un futuro molto difficile.

Casteel: Quindi che ruolo ricoprono i programmi di allevamento e di ibridazione?

Jacobs: Ci sono un sacco di scenari diversi. C'è lo scenario catastrofico di cui i rapiti continuano a parlare più e più volte. Abbiamo avuto questo per anni e anni. Io non so bene cosa stia per accadere. Se ci sara' un disastro o no. C'è uno scenario invece in cui il programma verrà attuato in modo ‘naturale’ lasciandoli integrare in questa società senza neppure capire cosa stia accadendo. Credo che ci siano altri aspetti da considerare. Noi non sappiamo cosa sia ciò che gli alieni ed i rapiti chiamano "The Change" (il motto principale della campagna presidenziale di Barry Soetoro/Barack Obama - ndt), e chi stia andando a prendere il nostro posto. Noi non sappiamo tante cose ancora.

Casteel: Stai parlando di visioni del mondo in fiamme o di catastrofi naturali, quel genere di cose?

Jacobs: Sì, beh, è
​​tutta una serie di scenari di emergenza, che include una guerra atomica. Essa comprende asteroidi che colpiscono la terra, comprende inondazioni, epidemie, carestie, quali che siano. E' una sorta di un disastro generalizzato e basta riempire gli spazi vuoti su ciò che tipo di disastro sarà. E' davvero non specifica, anche se le persone parlano di un bollettino di guerra più da atomica oppure della terra che collasserà a metà o sarà distrutta da una cometa o qualcosa del genere.
 
fine prima parte (continua QUI)
LINK
 

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG