16/01/15

Elogio dell'Immaginazione



 
Il Potere Oltre il Controllo Mentale  –  Jon Rappoport

(Elogio dell’Immaginazione – traduzione: freeskies)
 

“I Pensieri non sono sempre gli stessi. C’è una statistica casuale in proposito. Esiste una ruminazione interiore ripetitiva e circolare. C’è il pensiero diretto alla risoluzione di un problema od all’analisi della situazione. C’è un pensiero che accade quando qualcuno sta creando qualcosa che non era mai esistito prima. Dire che può essere allegramente inserito dall’esterno una sorta di controllo mentale capace di sostituire tutti i livelli di pensiero, senza che una persona sia consapevole di ciò che le sta accadendo, sembra sciocco.”

La coscienza desidera creare nuova coscienza, e può farlo. L’immaginazione è il mezzo con il quale farlo. Se esiste uno stato limite di coscienza, l’immaginazione desidera giocarsi un’altra carta per andare ancora più avanti.

In ogni arena della vita, specialmente ove si impegna la mente, la percezione, il potere, l’empatia e così via, esiste sempre uno status quo. Generalmente è un luogo dove un individuo dice “Bene, così è sufficiente. Rimango qui con ciò che possiedo. Mi fermo qui.”

Prima o poi questo atteggiamento genera noia, frustrazione, problemi e conflitti. Ci porta verso il declino.

L’immaginazione, che non conosce limiti, è la fonte delle esplorazioni più avventurose. Può avere un impatto notevole sul mondo materiale, certamente, ma nessuno deve pensare che sia composta di materia od energia. L’immaginazione non è materiale. Pensare altrimenti ci porta ad utilizzare una qual sorta di fisica per descrivere l’immaginazione e così si sta imponendo un limite su tutto ciò. Questo è un errore. L’immaginazione non obbedisce a nessuna legge della fisica.

Se l’imitazione è la più sincera forma di  compiacimento, ci siamo compiaciuti abbastanza. Non ne abbiamo più bisogno. L’immaginazione crea nuove realtà.

Puoi creare la stessa cosa più volte e divenire vitale come un tavolo. Se inietti l’immaginazione nel mix qualcosa può cambiare. Puoi condurre la tua barca dove vuoi che vada.

Il più basso comune denominatore del consenso implica un’assenza di immaginazione. Tutti sono d’accordo. Tutti sono annoiati. Tutti sono obbedienti. Alla fine opposta dello spettro, c’è un enorme flusso di creazione unica ed individuale, e l’abbondanza è naturale come lo è il sole che albeggia al mattino.

Sedere in una fermata del bus attendendo il reale è ciò che il reale è. Tutto il resto è immaginazione.

Esistono persone che credono che la vita sia un museo. Cammini tra le sale, scopri una pittura, vaghi li dentro e ci prendi una residenza permanente. Ma il museo è senza fine. Se tu fossi il pittore, non vorresti vivere mai all’interno di una tua tela per sempre. Ricominceresti a dipingere di nuovo.

L’ossessiva e continuativa ricerca di tutto ciò con cui siamo d’accordo è una confessione di bancarotta.

Quando re-impariamo a vivere attraverso e con l’immaginazione, noi entriamo ed inventiamo nuovi spazi e nuove ere. Con l’immaginazione un individuo può risolvere un problema. Ancora più importante: è possibile uscire proprio dal problema e renderlo insignificante e vuoto.

L’immaginazione non è un sistema. Può inventare sistemi, ma non è materiale. E’ una capacità. Non ha bisogno di imitare la realtà, crea la realtà. Il suo scopo è limitato solo dall’immaginazione delle persone di quanto lontano può giungere.

La razza umana è ossessionata dalla domanda: cosa esiste? E’ una semplificazione di comodo della domanda: cosa vuoi creare? Questa comparazione spiega perché le civiltà declinano.

L’immaginazione è un sentiero. Se cammini a lungo su questo sentiero trovi le risposte alle domande che non ti eri mai posto, come effetto collaterale di questa particolare gita. Troverai inoltre un potere che la maggior parte delle persone si sogna.

 
 

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG