19/01/15

L'Abbaglio del Pensiero Scientifico


 
Uno dei più potenti abbagli della nostra cosiddetta ‘era moderna’ è il sedicente pensiero scientifico. Ci hanno lasciato credere che, prima del glorioso avvento di tale estrema forma di codifica della realtà, l’umanità fosse preda di simbologie stregonesche e credenze innaturali … è vero proprio il contrario.

Si tratta di un potente ‘programma mentale’ in grado di modificare profondamente il nostro naturale rapporto tra mondo esterno ed interno, inficiandone pesantemente le potenzialità comunicative ed interattive.

Se osserviamo il procedere costruttivo del nostro inconscio, la parte fondante di ogni forma vitale, ci accorgiamo di come sia legato a modi di procedere apparentemente illogici e privi di razionalità. Proseguendo però nell’analisi di questa parte essenziale sottesa alle nostre vite (grazie alla quale differiamo dalle forme minerali), possiamo notare come utilizzi forme di pensiero ed interazione molto complesse che sfuggono sovente ai nostri tentativi di interpretazione e gestione che utilizziamo per cercare di imporre il nostro raziocinio a questa dimensione considerata ‘oscura’.

Il ‘pensiero scientifico’ ha prodotto così una scissione interiore di inedita potenza.

L’interazione su base simbolica ed archetipica della nostra interiorità con la realtà si muove con un funzionamento sorprendentemente strutturato e potente. I principi di non contraddizione ed identità sono ignorati, così come i principi dell’insiemistica; in questo ambito prevale un procedimento inedito e parzialmente incomprensibile, almeno finché lo si guarda con occhi (e paraocchi) costretti dalla cosiddetta logica.

A partire da Galileo, la trasmutazione in formule matematiche del procedere della natura, è divenuto un paradigma infausto per la storia del pensiero perché è stato proposto forzosamente come unica forma pensiero possibile. Tutto il resto veniva confinato in un calderone della superstizione e della fantasia.

Un grave errore è alla base di questa dicotomia forzata: l’aver perduto di vista la completezza di uno sguardo complessivo ed al contempo lucido eppure intimo ed intuitivo. Una comprensione ‘felice’ è stata sostituita con un suo surrogato gelido ed inconsistente. Per fortuna l’umanità si è lasciata sedurre solo in parte da tale potente ‘programma mentale’, procedendo allegramente verso lidi a lei più consoni perché dotati di quella forza propulsiva che è la creatività.

Un grande segreto è, evidentemente, alla base dei potentati occulti che governano questo pianeta. Essi sanno bene di come sia fuorviante il ‘pensiero scientifico’ ed infatti lo utilizzano solo in minima parte per gestire la complessa realtà del pianeta. E’ soprattutto al nostro interno però che dobbiamo guardare. Le nostre più elevate pulsioni, muovono le loro fila da fonti energetiche e potenti, che procedono in modo sorprendentemente festoso ed apparentemente irrazionale.

Un grande serbatoio a cui attingere energia creativa è purtroppo precluso alla vista di chi utilizza il solo metro scientifico per procedere innanzi. La psicoanalisi clinica poi ha impedito e confinato la parte oscura delle nostre interiorità in ambiti asettici, impedendole di comunicare ciò che urgeva ed urge, in modo desolante e miope, in nome del buon vivere comune o della serenità forzata.

Gli immani travagli del fondo irrazionale hanno prodotto le vette di quel pensiero condiviso che muove le nostre fila e dal quale però ci auto-escludiamo! Davvero un bizzarro modo di procedere. Riappropriarsi di una completezza perduta è il fine di ogni avventura cognitiva e, forse, il segreto più temuto.
 

3 commenti:

  1. Il pensiero "scientifico" normalmente inteso è uno schema, un approccio riduzionista in cui il numero diventa un idolo. Ho visto che Angela senior ha di recente dato alle stampe un nuovo libraccio con ambizioni scientifiche: l'ignoranza, il negazionismo e la disinformazione ex cathedra.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Il 'pensiero scientifico' è utilizzato dalla propaganda come maschera dietro la quale nascondere le peggiori nequizie ... tanto nessuno se ne accorge in questa bolgia agonizzante chiamata Italia. Ciao e grazie Zret

    RispondiElimina
  3. Sì, per la scienza esiste solo ciò che è misurabile, codificabile. Questa è la matrice del pensiero scientifico. Facendo un esempio banale, prendiamo la 'bontà', o la 'cattiveria'. Qualcuno potrebbe mai misurarle? No di certo, quindi per la scienza non esistono... un mondo molto ridotto. Eppure di ciò che facciamo ogni giorno possiamo misurare solo una parte infinitesimale.. Senza contare che le equazioni funzionano solo in teoria, in pratica ci sono troppe variabili imponderabili. La divisione dello scibile in uno spezzatino di discipline autoreferenzianti, poi, non sta facendo altro che allontanarci sempre più dalla verità: arte, storia, scienza e conoscenza dovrebbero essere considerate un tuttuno. Ma il diabolos divide et impera. Confidiamo nelle variabili più imprevedibili che possano ribilanciare l'equazione a favore dell'uomo? Bellissima la frase "[...] Riappropriarsi di una completezza perduta è il fine di ogni avventura cognitiva e, forse, il segreto più temuto." O la missione più ostacolata, potremmo aggiungere. Eppure questa matrix che vuole solo crescere, crescere, crescere... che non esploda prima o poi?

    RispondiElimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG