07/01/17

Armi di Distruzione di Massa



Humansarefree - Per molti anni, in Giappone, un’accesa controversia ha circondato il vaccino trivalente contro il morbillo, la parotite e la rosolia. Più in particolare, il vaccino MMR è tristemente noto per la sua connessione contestata con l'autismo e, nonostante il fatto che è stato accusato nei tribunali per aver causato l'autismo nei bambini, i sostenitori del vaccino ancora negano la sua colpa, nonostante gli elevatissimi tassi di disturbi dello spettro autistico rilevati.

Tuttavia, il vaccino procura altri rischi gravi, oltre al rapporto che ha con il numero ormai ingestibile di autismo nei bambini; tutto ciò ha portato ad un divieto di questo vaccino, raro in una nazione industrializzata come il Giappone. Il governo giapponese ha vietato la vaccinazione trivalente MMR già nel 1993, dopo un numero record di bambini che avevano sviluppato reazioni avverse, tra cui la meningite, perdita di motricità agli arti, e morte.

Tragica storia del vaccino MMR in Giappone

Il vaccino MMR è stato introdotto in Giappone nel mese di aprile del 1989, ed i genitori che hanno rifiutato il vaccino obbligatorio sono stati multati. Dopo tre mesi di analisi, i funzionari statali si sono resi conto che un bambino su 900 aveva sviluppato reazioni avverse al vaccino, un tasso che era 2.000 volte superiore al tasso atteso.

I funzionari avevano sperato di risolvere il problema passando ad un'altra versione del vaccino, ma l'eccessiva quantità di reazioni avverse persisteva, con uno su 1.755 bambini colpiti. Prove ed analisi sul liquido spinale di 125 bambini hanno stabilito che i componento dei vaccini erano entrati il ​​sistema nervoso infantile, con due casi sospetti supplementari.

Quattro anni più tardi, nel 1993, il governo ha rimosso il mandato vaccinale obbligatorio (MMR) contro il morbillo, parotite e rosolia. Un medico del Ministero della Salute e del Welfare giapponese ha ammesso che le vaccinazioni separate, in singole dosi contro morbillo e rosolia, hanno un costo due volte superiore, ma ha difeso la decisione presa affermando: "ma crediamo ne sia valsa la pena."

Inoltre, un membro del Ministero della Ssalute ha dichiarato, inoltre, che il divieto non ha provocato un aumento delle morti da morbillo.

I funzionari giapponesi erano anche preoccupati che la mancata vaccinazione avrebbe causato ulteriori casi di parotite, citando numerosi studi in The Lancet. Parotite e vaccini per l'epatite B non fanno parte del programma nazionale di immunizzazione in Giappone.



Quello che i genitori non conoscono sul vaccino MMR

L'elenco di reazioni avverse al vaccino MMR, presi direttamente dal bugiardino illustrativo della Merck, è lungo ed allarmante. Una versione abbreviata dei danni da vaccinazione associati al vaccino MMR include vomito, diarrea, anafilassi, dolore alle orecchie, sordità nervosa, diabete, artrite, mialgia, encefalite, convulsioni febbrili, polmonite e morte.

Una ricerca della Società che si occupa di rilevare le reazioni avverse alle vaccinazioni (VAERS) mostra le seguenti statistiche provenienti dagli Stati Uniti: oltre 75.000 eventi avversi sono stati riportati da vaccinazioni per qualsiasi combinazione di morbillo, parotite e rosolia, tra cui, in particolare:

78 morti
85 casi di sordità
48 casi di contatto con gli occhi diminuito
92 casi di ritardo dello sviluppo
855 casi di autismo
116 casi di disabilità intellettiva
401 segnalazioni di disturbi del linguaggio
276 segnalazioni di perdita di coscienza
143 casi di encefalite
74 casi di meningite
111 casi di sindrome di Guillain-Barré
692 casi di disturbi dell'andatura (non essere in grado di camminare normalmente)
748 casi di ipocinesia (perdita parziale o completa di movimento muscolare)
653 segnalazioni di ipotonia (scarso tono muscolare)
4874 segnalazioni di attacchi epilettici, tra cui convulsioni febbrili e cloniche tonico
1576 casi di cellulite (una potenzialmente grave infezione della pelle)

Infine, in alcuni casi, il vaccino ha causato le malattie che si supponeva dovesse evitare, con i seguenti dati riportati dal VAERS:

147 casi di morbillo
384 casi di parotite
29 casi di rosolia

Il numero di eventi avversi dopo la vaccinazione sono di gran lunga sottostimati, come riconosciuto dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il National Vaccine Information Center stima che meno di uno sul dieci per cento delle reazioni avverse ai vaccini sono segnalate. Molti dei numeri riportati sopra potrebbero quindi essere moltiplicato per cento per determinare una quantità più accurata degli effetti indesiderati.

Il Giappone assume una posizione di Protezione della Popolazione contro altri vaccinazioni

Il vaccino contro l'influenza è stato anche oggetto di polemiche in Giappone, dopo che 100 decessi si sono verificati entro la fine del 2009. Il Ministero della Salute del Giappone è stato criticato per la per la sua posizione prudente contro i vaccini, ma fino ad ora, i funzionari del governo hanno saggiamente difeso la loro posizione, citando la sicurezza pubblica come la preoccupazione principale.

Infine, il governo giapponese ha anche assunto una posizione protettiva contro i vaccini per conto delle sue giovani ragazze, sospendendo le vaccinazioni contro il virus del papilloma umano (HPV) nel 2013, dopo che numerosi casi di eventi avversi gravi sono stati segnalati, con un rapporto che cita ben 1.968 negativi eventi, 358 dei quali sono stati classificati come gravi.
I funzionari giapponesi parlano

Il Giappone è stato criticato per non essere al passo coi tempi quando si tratta di vaccinazioni. I sostenitori del vaccino sostengono che il Giappone non ha tenuto il passo con gli altri paesi sviluppati per quanto riguarda l'uso di vaccini. Nonostante la loro messa in vendita contro 110 malattie infettive, secondo un registro di governo, il Giappone offre vaccinazioni per solo 22 di quelle.


Alcuni esperti di salute giapponesi non sono d'accordo, però. Hiroko Mori, un ricercatore, è uno di quei esperti. E' stato l'ex capo della divisione malattie infettive presso l'Istituto Nazionale di Salute Pubblica del Giappone. Egli ha osservato che il Giappone ha uno dei più bassi tassi di mortalità infantile nel mondo e ha sostenuto che è grazie al minor numero di vaccinazioni, affermando che un eccellente sistema igienico-sanitario e una corretta nutrizione ha aumentato la salute dei bambini. Egli ha osservato, "La medicina dovrebbe essere guarigione, ma ai bambini che non possono parlare vengono inflitti colpi inutili perché i genitori hanno paura. I bambini stanno perdendo la loro capacità di guarire naturalmente.”

"Ci sono così tante persone che hanno sofferto gli effetti collaterali. Tutto quello che chiediamo è di stabilire il diritto di dire 'NO'. Il diritto di scegliere dovrebbe essere riconosciuta come un diritto umano fondamentale".

Continua con link e dati su: HUMASAREFREE

2 commenti:

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG