27/01/17

Fuga dalle Vaccinazioni e dalla Scuola


Le leggi paventate per imporre le vaccinazioni infantili sono al tempo incostituzionali e demenziali. Le ragioni della sedicente scienza medica dovrebbero infatti prevalere naturalmente, con la forza della verità, nella coscienza dell’opinione pubblica, non procedere per imposizioni poliziesche.

Dato però che il sistema è seriamente preoccupato dal calo delle vaccinazioni in età pediatrica, conseguente ad un innalzamento della consapevolezza genitoriale, occorre rimediare, anche nel modo peggiore possibile: vietare gli accessi dei bimbi alle scuole primarie.

E’ venuto forse il momento di cogliere al balzo l’opportunità: non far vaccinare i propri figli e non mandarli alle scuole pubbliche, rivendicando il diritto di seguire un’istruzione familiare, magari organizzata in gruppi di solidarietà umana (già operativi con successo in varie parti d'Italia). Già che ci siamo, nutriamoli solo con alimenti semplici, sani e biologici.


Potrebbero sorgere micro comunità che si occupano della crescita complessiva dei bambini, in contesti sani e divertenti, stimolanti, lontani dalla logica ottocentesca dell’interrogazione poliziesca.

Bimbi sani, svegli, attivi, che si nutrono bene con coscienza, che partecipano alla vita degli adulti senza essere relegati in stanzoni contenitore illuminati al neon, sorvegliati dalle guardie, futuri capufficio o capi squadra. Uscire dal sistema non è mai stato così facile. Approfittiamone.

3 commenti:

  1. Si condivido in pieno ogni parola, una per una. Queste sono le situazioni che possono essere colte come occasioni per condividere e amplificare un 'senso comune' con una valenza enormemente superiore alla particolarità della fattispecie. Probabilmente prevarrà un atteggiamento più prosaico dettato anche dalla schiavitù economica già digerita. Per molti di coloro che comunque iniziano a intuire odore di inganno il pensiero sarà più o meno: "niente asilo niente possibilità di lavorare e se aspetto che riusciamo a organizzarci con soluzioni alternative non arrivo mai e poi resta comunque il problema della scuola dell'obbligo dopo l'asilo....ecc (molti di noi non sanno neppure della possibilità di farsi carico di quest'assolvimento senza dover necessariamente transitare per una scuola pubblica o privata riconosciuta). Senz'altro questa volontà d'imposizione produrrà disastri ma potrebbe, nel contempo, accelerare eventi insperati.
    Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è possibile: potere all'immaginazione. Questi gruppi di istruzione familiare condivisa esistono già e sono realtà efficaci e vitali.
      Ormai l'abbiamo capito: i sistemi sono solo recinti organizzati per impedire uno sviluppo sano e naturale dell'individuo.
      Il prossimo futuro chiederà un conto elevatissimo a chi non ha avuto il coraggio di sganciarsi dai recinti. Ciao

      Elimina
    2. P.S. L'istruzione libertaria non preclude l'inserimento a stadi di studio superiore. Informiamoci su internet sui nostri esigui diritti rimasti. Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG