31/03/17

Indulgenze Vaccinali


adnkronos - Un ragazzo di 27 anni è stato ricoverato per morbillo agli Ospedali riuniti Padova Sud di Monselice. Il giovane attualmente si trova in rianimazione per insufficienza respiratoria grave per polmonite interstiziale. "Le condizioni sono gravi ma stabili - spiega in una nota la Ulss 6 Euganea - Il ragazzo aveva ricevuto una sola dose di vaccino contro il morbillo nel 1991, anziché due come previsto. La polmonite è una delle complicazioni previste nei malati di morbillo".

comilva - Uno degli errori fondamentali sulla valutazione dell’efficacia del vaccino contro il morbillo è quello di pensare che l’inoculo di due dosi di morbillo-parotite-rosolia (MMR) equivalga ad acquisire totale immunità contro questi agenti patogeni. Infatti, si ritiene che ricevere due dosi del vaccino MMR sia efficace al 99% nel prevenire il morbillo, nonostante una voluminosa bibliografia e prove basate sull’epidemiologia e sull’esperienza clinica contraddicano questo dato. Questo modo di pensare sbagliato ha portato il pubblico, i media e le autorità ad attribuire sempre ai non vaccinati l’origine di focolai di morbillo, come quello recentemente segnalato a Disney,  anche se il 18% dei casi di morbillo si è verificato in coloro che erano stati vaccinati. L‘evidente inefficacia del vaccino è dimostrata anche dal fatto che il CDC ora richiede due dosi.

freeskies: non conosciamo dati trasparenti e certi sui recenti casi di morbillo perché non vengono diffusi. Che percentuale di malati erano stati vaccinati? Avevano ricevuto una oppure due delle dosi previste? Qual è l’andamento reale delle affezioni da morbillo negli ultimi 30 anni? Quali e quante le reazioni avverse alle vaccinazioni contro il morbillo? Quali sono i calcoli costi/benefici di queste operazioni di vaccinazione? Infine: le famigerate operazioni di bio-geo-ingegneria clandestina in atto da decenni, tramite aerosol dal contenuto ignoto, che ruolo hanno svolto e svolgono sul sistema respiratorio delle popolazioni?


Come sempre nell’affaire vaccinazioni si naviga nella nebbia più fitta, funzionale ai giochi del potere. Le istituzioni premono con la potenza delle trombe mediatiche (a loro asservite) per diffondere il terrore delle infezioni mentre minacciano medici obiettori ed i solerti ricercatori indipendenti che sentono il dovere di avvisare i propri simili (senza alcun tipo di tornaconto) sull’inutilità e pericolosità delle vaccinazioni.

Questa battaglia tra le istituzioni associate del potere e la coscienza individuale dei sudditi è davvero interessante e complessa dal punto di vista psicologico. L’ingranaggio di asservimento è sempre lo stesso: diffondere paura, offrire una soluzione, perseguitare gli eretici. La Chiesa di Roma non ha fatto lo stesso per secoli con la Santissima Inquisizione? Allora il pericolo era il demonio, oggi per lo scientismo d’accatto è il virus, ma la sostanza non cambia. 

Un officiante in tonaca, bianca o nera (medico o prete che sia), dell’istituzione antica ed accettata (babilonese) può e deve poter intercedere per la salvezza del corpo o dell’anima, soprattutto nei confronti di bimbi inermi di pochi mesi. A proposito: a quanto stanno oggi le indulgenze?

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG