25/11/16

Respingimenti spagnoli


La Spagna, un paese comunitario (e cattolico) al pari dell’Italia e della Grecia, respinge i tentativi di ingresso di clandestini con estrema determinazione. A Melilla e Ceuta, città spagnole sul suolo africano, sono state erette 3 fila di barriere in acciaio, alte anche 5 metri, rinforzate da solidi cordoni di filo spinato. Tutto il confine è controllato notte e giorno dalle telecamere della Guardia Civil che interviene prontamente e perentoriamente in caso di violazione dei confini. Il controllo è serrato e costante anche ai pochi valichi di frontiera e lungo le coste. L’eccezionale video qui sopra ne mostra le tragiche dinamiche e cerca di comprenderne il funzionamento occulto. Il Vescovo di Roma non ha nulla da ridire in proposito?

Viene davvero da chiedersi come sia possibile che in Italia e Grecia, al contrario, esista una rete internazionale di importazione dei clandestini sul suolo nazionale. Il clandestino viene individuato, raccolto da navi militari o civili, rifocillato, eventualmente curato, ed accompagnato in qualche centro di accoglienza. L’Europa è unita solo per motivi finanziari e militari, per il resto non esiste.

Nessun commento:

Posta un commento

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG