12/06/17

Immigrazione ed Epidemie


Abbiamo imparato a sostituire i termine edulcorati, fuorvianti ed inesatti di ‘migrante’ con ‘clandestino’, di ‘migrazione’ con ‘deportazione organizzata’, di ‘salvataggio umanitario’ con ‘dislocamento forzoso coatto’.

Abbiamo ben compreso come il cosiddetto fenomeno migratorio non sia appunto un ‘fenomeno’ ma un’operazione programmata di deportazione forzosa di giovani maschi dall’Africa e vicino oriente, verso i lidi europei (Svizzera esclusa, chissà perché …).

Abbiamo anche individuato alcuni dei mandanti di questi crimini contro l’umanità, con in primis la Chiesa di Roma/Babilonia con il suo capo, il mendace vescovo di Roma, a seguire l’odioso frammassone Kalergi, l’Onu, le ONG, l’unione europea (istituzione ormai privata), le sedicenti organizzazioni umanitarie … etc. … .

Ciò premesso, i dati sono allarmanti: ormai la popolazione immigrata ha raggiunto il 10% della popolazione autoctona a cui (a nostro parere) occorre aggiungere almeno un altro 5% di immigrati non censiti. L’obiettivo del piano satanico del buon Kalergi era di arrivare ad una quota minima del 20% sul totale. Il 20% è un dato alla loro portata: nel giro di pochi anni, se continua la deportazione coatta, ci arriveremo presto.

Ciò premesso è divertente ed istruttivo leggere ciò che le istituzioni affermano sulle coperture vaccinali dei migranti in Italia. Premetto la loro conclusione: i dati sono frammentari quanto assenti del tutto, e non attendibili. Ergo: ci troviamo sul nostro territorio una decina di milioni di individui dalle provenienze più disparate con percentuali elevate di pericolosità epidemiologica (sempre dati ufficiali) non coperti dalle vaccinazioni oppure dalle coperture vaccinali lacunose ed oscure.


Ciò cozza in modo disgustoso (vedi il decreto illeggittimo Lorenzin/Mattarella/Gentiloni) sulla fretta e furia con cui il governo italiano ha deciso di imporre le vaccinazioni forzate, indirizzate soprattutto ai residenti autoctoni. Perché si impongono le vaccinazioni mentre si ignorano le condizioni di salute degli immigrati clandestini? Non è vero razzismo questo? Il timore è che abbiano compreso la pericolosità sociale di aver introdotto a forza milioni di individui da zone del pianeta con condizioni igienico sanitarie ben diverse dalle nostre e che, come sempre, lo vogliano far pagare a tutti noi.

Alcuni stralci da un informativa dell’ISS: Conclusioni (le vaccinazioni ed i migranti)
Campioni di popolazione evidenziano carenze riguardanti epatite A – B, rosolia, morbillo, e, in minor misura, difterite, tetano, pertosse e febbre tifoide. La vaccinazione dei migranti deve essere intesa come un’azione doverosa ai fini dell’uguaglianza, nel rispetto del principio di equità del nostro SSN. Ai fini della salute pubblica, essa risulta fondamentale per arginare un potenziale rischio di epidemie.


Ed ancora dal sito epicentro.iss : Malattie infettive e migrazione?
Condizioni di vita caratterizzate da povertà e degrado e uno scarso accesso ai servizi clinici e di prevenzione possono favorire l’insorgenza e lo sviluppo di patologie. Questo aspetto è particolarmente rilevante per le malattie infettive, patologie che si diffondono più facilmente in condizioni di scarsa igiene e sovraffollamento.

Per esempio, morbillo, difterite, influenza, pertosse e infezioni respiratorie acute sono malattie a rischio epidemico in condizioni di sovraffollamento, mentre condizioni igieniche insufficienti possono aumentare il rischio di infezioni gastro-intestinali. Il rischio di malattie prevenibili da vaccino dipende invece dall’accesso ai servizi vaccinali.

Alcune patologie ad alta endemia in Paesi a forte spinta migratoria, come l’epatite B e la tubercolosi, possono essere asintomatiche al momento dell’arrivo in un Paese di immigrazione, ma manifestarsi in seguito. In particolare sono le condizioni di vita di un individuo (ad esempio abitative e alimentari) ad avere un ruolo rilevante nel favorire la progressione di queste patologie.

Che dire infine della siccità indotta dalle ben note pratiche di geoingegneria clandestina? Quali conseguenze apporta alla diffusione di batteri e virus pericolosi? A che gioco giocano i nostri carcerieri non eletti da nessuno? Dove vogliono arrivare?

2 commenti:

  1. Ovvio, devono fare entrare milioni di africani in Europa per formare il 'popolo europeo', l'ONU ha forse ordinato vaccinazioni di massa, piano Kalergi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'OMS ha dichiarato guerra all'umanità. Non c'è riuscita a sferrare il colpo gobbo con le inesistenti aviaria e suina, ci sta ora provando in Italia con l'innocuo morbillo ...

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG