05/10/16

Genocidio Bianco

Alcuni movimenti internazionali paventano le operazioni di ingegneria sociale in corso che hanno come obiettivo non dichiarato (ma evidente a tutti) di creare forzosamente una società multirazziale, conflittuale ed auto-ghettizzante. Al di fuori della melensa propaganda mondialista sull’integrazione, i gruppi etnici migranti non desiderano affatto confondersi con gli indigeni ma affermare (addirittura con maggior impeto) le proprie appartenenze culturali e religiose, mantenendo intatti i loro modi di vivere, usi e costumi (per inciso: giustamente, essendo anche loro vittima di queste operazioni clandestine). E’ triste parlare di etnie e razze tra esseri umani ma le operazioni forzose di immissione di milioni di immigrati in Europa lo impongono.  Traduco e pubblico al proposito l’incipit del sito ‘White Genocide’ per farsene un’idea:     
Lo spostamento di milioni di immigrati non bianchi in paesi tradizionalmente bianchi in un breve lasso di tempo. Questo aspetto da solo non può essere considerato un genocidio, ma il passo successivo lo rende una parte importante di un vero e proprio genocidio. Costringere con la forza della propaganda e delle leggi le aree bianche ad accettare la "diversità". Questo aspetto è noto come "Assimilazione Forzata". Una combinazione di immigrazione di massa (di diversi gruppi di persone) oltre all’assimilazione forzata può qualificarsi come genocidio ai sensi dell'articolo II - parte (C) - delle Convenzioni delle Nazioni Unite: "Sottoporre deliberatamente un gruppo etnico a condizioni di vita intese a provocare la sua distruzione fisica in tutto o in parte." Consideriamo anche il rifiuto del governo di rimuovere le politiche di genocidio che sono in opera oggi. Mantenendo queste politiche in atto, si assicurano che il genocidio proceda nel suo corso. La società è ampiamente consapevole del fatto che le persone bianche stanno diventando una minoranza in diversi paesi, ma gli anti-bianchi non vogliono porre fine alle politiche che ci stanno trasformando in una minoranza in tutto il mondo.
Il genocidio bianco è quindi in corso. Occorre ricordare altri aspetti del genocidio che riguardano la biologia e la genetica. Le popolazioni occidentali sono sottoposte da decenni alle scie chimiche, al bombardamento radioattivo ed all’assunzione di sostanze velenose tramite pratiche mediche infauste, metodi di allevamento e coltura immondi, modifiche genetiche di alimenti vegetali ed animali. Non dimentichiamoci infine della tragica ed immotivata austerity che stanno imponendo ai popoli europei, utile per rendere le popolazioni più prone e mansuete.

Tutto ciò ci lascia purtroppo immaginare un piano clandestino in corso per debellare o limitare numericamente le popolazioni occidentali dal Pianeta, forse perché potenzialmente più pericolose in quanto maggiormente consapevoli dei propri diritti universali e delle storture del sistema di controllo dell’umanità in atto.

Si tratterebbe quindi di una specie di lotta selettiva all’eresia della consapevolezza, mossa dai soliti poteri di sempre (pensate al ruolo della Chiesa di Roma, ad esempio) ma messa in opera con mezzi sofisticati e poco visibili. Una caccia alle streghe dove le streghe siamo noi.

2 commenti:

  1. Annientamento identitario sarebbe anche da dire. Sono quasi del tutto riusciti ad estirpare il senso della ricerca interiore non essendoci quasi più aspettative sensibili coniugate a un divenire essenzialmente armonizzato alla grazia. Il cosiddetto progresso è disarmonico per sua prima concezione.
    L’uomo contemporaneo deve essere un pupazzo biologico senza alcuna memoria davvero “attiva” riguardante tutti quei motivi che determinarono la realtà, la fiducia tradotta nelle diverse opere di una coscienza propriamente cosmica. L’assuefazione alla menzogna è completa in un simile stato di cose, la collettività per la stragrande maggioranza ormai ama nutrirsi di menzogne, ama il mortifero inganno istituzionalizzato, lo reclama come sua conquista e diritto.
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, creare disarmonie e dissonanze sembra essere il loro sport preferito. Hanno sedotto la stragrande maggioranza di noi, rendendola dipendente alle comode menzogne dei media ed alle inutili seduzioni della tecnologia d'accatto, facendo leva su pigrizia e narcisismo. La felicità risiede solo in uno smrtphone di ultima generazione? Ciao

      Elimina

I COMMENTI RIPETITIVI, O VOLGARI VENGONO RIMOSSI A DISCREZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DEL BLOG